Ciclismo, Giro Donne: Finalmente Van Der Breggen. Ma Van Vleuten quasi regina

Regolare Commento Stampare

Anna Van Der Breggen conquista Malga Montasio.

Frazione a due facce quella svoltasi oggi sulle strade della Carnia: protagoniste della prima ora sette atlete, Steigenga (BePink), Jasinska (Movistar), Neylan (Virtu Cycling), Dobrynina (Servetto - Piumate - Beltrami TSA), Barnes (Canyon - SRAM), Van den Steen (Lotto Soudal Ladies) e Boogaard (BTC City Ljubljana).

Dopo aver ripreso la fuga di giornata a 17 km dall'arrivo, Van Vleuten si porta in testa al gruppo di 50 atlete in testa alla corsa per dettare l'andatura, frazionandolo in poco tempo. Tra i meno 8 ed i meno 7 chilometri hanno ceduto una dopo l'altra Brand, Moolman e poi anche Spratt, lasciando così in testa alla corsa le due atlete attualmente più forti e complete sui percorsi impegnativi: alla vigilia del Giro Rosa tutti pronosticavano un duello tra Van Vleuten e Van der Breggen, nella realtà è stata poi una partita a senso unico ma almeno per un giorno abbiamo potuto ammirare queste due grandi campionesse lottare alla pari in salita. "Un percorso di 125 km tendenzialmente pianeggiante, a parte un'ascesa lunga 22 km con soli 170 m di dislivello nella parte finale, in cui sarà praticamente impossibile per Van Der Breggen recuperare i 3'50" che la separano da Van Vleuten. "Vedevo che nei metri finali era un po' in difficoltà e sono riuscita a batterla".

Alla fine la giuria ha cronometro 17" di distanza tra Anna van der Breggen e Annemiek van Vleuten al traguardo: "nessun pericolo per la maglia rosa che aveva un vantaggio abissale in classifica e che forse ha voluto chiedere un po' troppo a se stessa per aiutare. Ho dato tutto e sono letteralmente morta. "Prima delle italiane è Erica Magnaldi, ottava, che precede Elisa Longo Borghini, migliore delle azzurre in classifica generale all'ottavo posto, a 8'30" dalla vetta.

Domani il 30° Giro Rosa Iccrea avrà il suo epilogo con la tappa conclusiva da San Vito al Tagliamento a Udine, con nel finale lo strappo in pavè del Castello. Marturano, invece, è rispettivamente 103ª e 21ª.