Fondi russi alla Lega, Savoini indagato per corruzione internazionale

Regolare Commento Stampare

Il pasticcio russo si abbatte sulla testa di Matteo Salvini, proprio nel momento del massimo successo elettorale e politico della Lega. "Io parlo di sicurezza e vita reale".

"Savoini non era invitato dal ministero dell'Interno - ha detto il ministro dell'Interno in una conferenza stampa alla Camera -".

Riferendosi alla visita a Mosca, Salvini, nel corso di una conferenza stampa al Viminale dopo la sigla di un'intesa con i gestori di discoteche, aggiunge: "Posso produrre i documenti di tutti i passeggeri che hanno viaggiato con me".

Nella foto, pubblicata l'anno scorso dallo stesso Salvini su Twitter, Savoini è il primo a sinistra ed è seduto allo stesso tavolo del vicepremier con microfono e segnaposto, ma la portavoce del ministro dell'Interno fa sapere che "una foto è una foto".

Poi, ricordando che ci sono procure che cercano soldi dati alla Lega dal Lussemburgo alla Groenlandia, Salvini ironizzava in diretta: "Buona caccia al tesoro che non c'è.".

Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, riferisce sulla vicenda Aquarius nell'aula di Palazzo Madama, Roma, 13 giugno 2018. Però voglio un governo che corre, che fa le cose, che cresce, che scommette sul merito. In essa, i sei dicono che i loro rispettivi "amici politici", italiani e russi, si sarebbero messi d'accordo per far arrivare in Italia 300 milioni di tonnellate di petrolio, 250 mila al mese, a prezzo di favore.

I 5 Stelle hanno infatti ufficialmente annunciato che voteranno "sì a una commissione d'inchiesta sui finanziamenti a tutti i partiti, le associazioni e fondazioni collegate" e colgono l'occasione per ricordare anche che: "dal Pd aspettiamo ancora i nomi dei componenti della commissione d'inchiesta sulle banche". "E' la ragione per cui chiarisco il mio ruolo con il signor Savoini", continua, spiegando il motivo della sua presenza a una cena ufficiale con il presidente russo Vladimir Putin. Il premier specifica come a quell'evento siano stati invitati "automaticamente i partecipanti al forum Italia-Russia, che si era appena concluso e si era svolto qualche ora prima nei locali della Farnesina, gestito dal forum Italia-Russia e dall'Ispi".

Ha i nervi a fior di pelle il ministro-segretario-dio e i suoi webmaster pure: non è che possono bloccare automaticamente ogni commento che contenga Putin, Rubli, Savoini, Russia, Russi, finanziamenti illegali presunti, fondi neri, eurubli, fondi, cazzo, e via di questo passo.

Intanto, nei prossimi giorni, a quanto si apprende, verranno ascoltare in procura a Milano alcune persone nell'ambito dell'inchiesta. ANSA/ETTORE FERRARI "Tutto ridicolo, i nostri bilanci sono trasparenti", si difende così il ministro dell'Interno Matteo Salvini sul caso che coinvolge la Lega, esploso sui media dopo l'inchiesta dell'Espresso e la pubblicazione sul sito statunitense Buzzfeed dell'audio di un incontro a Mosca tra alcuni russi e italiani.