Alitalia: Atlantia pronta a entrare in gioco, domani dossier in cda

Regolare Commento Stampare

"Sulla revoca e sulla procedura si va avanti, poi se si vogliono fare offerte per Alitalia, sono delle offerte che saranno valutate da Delta Airlines e da Ferrovie dello Stato e si vedrà se sono un socio solido per entrare nella compagnia", spiega Di Maio. E' quanto riferiscono fonti di maggioranza sugli sviluppi del dossier Alitalia, che confermano la chiusura di lunedì per la presentazione dell'offerta vincolante. Per la costituzione della newco l'impegno di Fs dovrebbe attestarsi intorno al 35% mentre la quota del Mef dovrebbe essere al 15%.

Sullo sfondo resta il nodo Atlantia. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio. "Probabilmente in settimana si potrà risolvere".

Successivamente l'imprenditore Colombiano German Efromovich, azionista di maggioranza di Avianca. Tenendo conto che è l'azionista maggioritario di Avianca, che fa parte dell'alleanza Star Alliance, concorrente di Sky Team di cui fa parte il vettore a stelle e strisce. "Se non ci dovesse essere il quarto investitore, parta la newco con Mef-Fs-Delta". Guardando al passato, l'ultimo anno di Alitalia in mano pubbliche è il 2008, ossia prima dell'arrivo dei cosiddetti 'capitani coraggiosi', chiamati dall'allora premier Silvio Berlusconi per sbarrare la strada ad Air France-Klm. Proprio giovedì 11 luglio, infatti, la società che fa capo all'amministratore delegato Giovanni Castellucci terrà un consiglio d'amministrazione che dovrebbe affrontare definitivamente la questione Alitalia, dopo che proprio ieri Mediobanca ha chiesto ufficialmente ad Atlantia di presentare la propria proposta di ingresso nella cordata. Il nuovo decollo a gennaio 2015 è stato possibile grazie all'investimento da 1,7 miliardi della compagnia di Abu Dhabi Etihad.