MotoGP Germania, pole di Marquez, male Rossi e Dovizioso

Regolare Commento Stampare

Siamo ormai vicini al giro di boa di questa stagione del Motomondiale caratterizzata, tanto per cambiare, dall'ennesimo dominio di Marc Marquez. "Ci resta del lavoro da fare per trovare un miglior bilanciamento ed ora analizzeremo bene i dati per farlo; penso che il nostro potenziale sia più alto di quanto mostrato fin qui". Il prolungamento annuale accontenta e soddisfa entrambi visto che, proprio nel 2020, scadranno i contratti dei piloti di punta e, sia la scuderia che Petrucci potranno, eventualmente, scegliere di imboccare altre strade. Il pilota della Yamaha infatti non riesce a sfruttare al meglio la sua M1, risultato nelle ultime gare il peggiore tra i piloti della Casa di Iwata, considerando anche il team satellite SIC Petronas.

Il ternano è alla sua prima stagione alla guida della Ducati ufficiale dopo l'esperienza in sella alla Pramac e dopo un periodo di normale assestamento sta dimostrando di migliorare gara dopo gara.

"Sono veramente contento, il rinnovo è arrivato anche prima rispetto ai piani". Dopo un inizio di campionato positivo posso essere più sereno e andare in vacanza tranquillo. C'è stato sempre buonsenso, mai ordini di scuderia e sarà così anche per il futuro. La cosa principale è proprio il buonsenso, non compromettere la gara altrui e, molto semplicemente, non perdere tempo.