Imprese: Whirlpool, mai disdetto accordo, Napoli non chiude

Regolare Commento Stampare

In un'intervista radiofonica andata in onda questa mattina su Rtl, Di Maio ha parlato di 15 milioni euro di incentivi che possono essere chiesti indietro, con una direttiva che il ministro si è detto pronto a firmare in giornata, alla vigilia dell'incontro con l'azienda fissato per domani.

"In linea con il Piano industriale firmato lo scorso ottobre, l'azienda non intende procedere alla chiusura del sito di Napoli ma è impegnata a trovare una soluzione che garantisca la continuità industriale e i massimi livelli occupazionali del sito". "Se vieni in Italia e prendi i soldi dello Stato poi non puoi andare via chiudendo gli stabilimenti". "Le aziende, gli imprenditori e i lavoratori italiani meritano rispetto", dice. Se Cisl e Uil plaudono alla decisione di revocare i fondi pubblici, la Cgil chiede piuttosto che si vigili sull " applicazione degli accordi" su cui sono stati erogati gli incentivi. Il ministro dello Sviluppo Economico ha firmato tre lettere - una dal ministero del Lavoro, una dal ministero dello Sviluppo Economico e l'altra da Invitalia - in cui ha messo in evidenza lo stop ai finanziamenti per l'azienda statunitense. Questa, dice ancora De Magistris, "non è una partita del Governo della Repubblica Italiana ma una partita della città di Napoli, di un'azienda di Napoli, lavoratrici e lavoratori di Napoli e dell'area metropolitana e delle loro rappresentanze sindacali". Le prossime puntate si annunciano comunque molto impegnative. "Lo Stato ora si fa rispettare - l'affondo del ministro dello Sviluppo - È una settimana che ho detto a Whirlpool, che siccome hanno firmato un accordo con me, che lo stabilimento di Napoli va tenuto aperto. Con la chiusura dello stabilimento di Napoli, abbiamo la goccia che fa traboccare il vaso: non c'è più tempo per le parole, servono i fatti". "La crisi Whirlpool è chiaro segnale di una precisa volontà di tagliare il Mezzogiorno, riproponendo la questione meridionale in termini di disagio, disoccupazione, disperazione", conclude il consiglio comunale.