Il Papa commissaria Lourdes, inviato un delegato per la cura dei pellegrini

Regolare Commento Stampare

Il vescovo Antoine Herouard, ausiliare di Lille, avrà la cura del santuario ad nutum Sanctae Sedis, fin quando la Santa Sede non deciderà altrimenti.

Ufficialmente non si parla certo di commissariamento del celebre santuario delle apparizioni mariane, meta ogni anno di milioni di pellegrini, ma la decisione del Pontefice gli assomiglia molto. Brouwet - il vescovo Hérouard presiederà il consiglio di Lourdes e prenderà tutte le decisioni che sembrano appropriate per la vita del santuario. L'annuncio è stato dato dall'arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio consiglio per la Nuova Evangelizzazione, dicastero che da due anni ha ricevuto dal Pontefice l'incarico di valorizzare la pastorale dei santuari.

La lettera, ha specificato Tornielli, è stata letta ieri attorno a mezzogiorno nel piccolo centro dei Pirenei di fronte ai cappellani e ai responsabili amministrativi del santuario.

"A seguito delle verifiche" condotte da Fisichella, ha scritto Papa Francesco, "desidero comprendere quali ulteriori forme il santuario di Lourdes possa adottare, oltre alle molteplici già esistenti, per divenire sempre di più un luogo di preghiera e di testimonianza cristiana corrispondente alle esigenze del Popolo di Dio". E desidera che i centri di devozione mariana diventino 'sempre di più un luogo di preghiera e di testimonianza cristiana corrispondenti alle esigenze del popolo di Dio'. "La decisione è in linea con quella già presa nel 2017 per Medjugorje" scrive sui media della Santa Sede il direttore editoriale Andrea Tornielli. La nomina del delegato a Lourdes tuttavia non è a tempo indeterminato, come invece è stata quella di Hoser.

Anche Lourdes finisce sotto osservazione dopo Medjugorje. Si tratta di monsignor Antoine Herouard, vescovo ausiliare di Lille.

"Papa Francesco - ha detto oggi Hérouard in un'intervista a Vatican News - mi ha affidato questa missione di Delegato Pontificio per assicurare meglio il futuro dei santuari e per consentire loro di essere più fedeli alla loro missione, specialmente nell'accogliere i malati, i poveri e i giovani". E ricordava ½le ricchezze che lo Spirito Santo dispiega nella pietà popolare con la sua iniziativa gratuita" affermando che "il camminare insieme verso i santuari e il partecipare ad altre manifestazioni della pietà popolare, portando con sé anche i figli o invitando altre persone, è in sé stesso un atto di evangelizzazione.