Lorenzo Baglioni lancia "UE!", una canzone per spiegare l'Europa

Regolare Commento Stampare

E da lì in poi nulla è sostanzialmente cambiato. Accanto a ogni simbolo ci sono anche tre spazi bianchi, su cui si possono esprimere delle preferenze per altrettanti candidati.

Le regioni italiane che potranno beneficiare delle risorse stanziate dall'Ue sono: Friuli Venezia Giulia, le Province autonome di Trento e Bolzano, Liguria, Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Lazio, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna e il Veneto, la regione più colpita.

Quanto sia importante e fruttuoso che, in questo mondo sempre più globalizzato, la scienza sia aperta è stato clamorosamente dimostrato grazie alla prima "fotografia" del buco nero già ipotizzato da Einstein nella sua Teoria della Relatività Generale. Per la Commissione sara' piu' difficile fronteggiare le pressioni di vari governi (del Nord ma non solo) che ora non nascondono piu' l'esasperazione per le mosse dell'Italia (vedi le parole del premier austriaco Sebastian Kurz). Ad esempio, @Europarl_ITtwitta in italiano, @PE_FRANCE in francese e @EPinDeutschland in tedesco. Tra i grandi paesi la Germania con il 48,01% e la Francia con il 42,43%.

Fissato un tetto massimo di costo per le chiamate e i messaggi tra cittadini dell'Unione Europea. In Italia vige dal 2009 una soglia del 4 per cento.

Ciascun candidato può presentarsi nelle circoscrizioni che vuole: i leader di partito come Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, presenti un po' ovunque, decideranno in un secondo momento se e in quale circoscrizione farsi effettivamente eleggere. In Italia ha invece votato il 57,22% degli aventi diritto. La campagna elettorale, da parte di alcuni partiti politici, sembra più incentrata su tematiche nazionali che europee, segno che alla politica interessano di più le dinamiche elettorali interne che l'ambizione di partecipare attivamente allo sviluppo delle istituzioni europee. La possibilità di selezionare politici più o meno capaci e quella di garantire parità di trattamento a tutti gli elettori, infine, è seriamente compromessa dall'incapacità stessa dell'Unione (in particolare, del Consiglio) di adottare regole comuni, lasciando magari spazio a piccoli correttivi su base nazionale. La sua prima celebrazione della Giornata per L'Europa il Falcone la svolgerà proprio mercoledì 22 alla presenza del dottor Bruno Marasà, direttore dell'Ufficio di Milano del Parlamento Europeo, che in questa occasione consegnerà alla scuola la targa di European Parliament Ambassador School e i diplomi di "Junior Ambassador" agli studenti di 4M e di "Senior Ambassador" ai professori referenti di progetto che con il loro impegno hanno reso possibile il conferimento di questo titolo alla scuola.