F1: test mattina a Magnussen

Regolare Commento Stampare

TANTO LAVORO Coinvolta con una seconda vettura nei test della Pirelli, per portarsi avanti il lavoro sulle gomme in ottica 2020 e 2021, la Ferrari ha girato più di qualunque altro team a Barcellona, nel corso della due giorni di test che si sono svolti martedì e mercoledì sul tracciato catalano.

Mercedes aveva esordito con Valtteri Bottas nel Day-1 e poi ha schierato il 20enne russo Nikita Mazepin.

Dopo aver effettuato i suoi primi giri con la Ferrari SF90, Antonio Fuoco dice di essere soddisfatto di come sono andate le cose ieri nella seconda giornata di test in F1 a Barcellona. Secondo tempo per la Ferrari affidata al calabrese Antonio Fuoco, ex Ferrari Driver Academy e che attualmente è uno dei piloti che si alternano al simulatore della Scuderia di Maranello.

Quinto Kimi Raikkonen con l'Alfa Romeo Racing, incalzato dalla Renault del giovanissimo Jack Aitken.

"Le gomme sono un fattore chiave per la performance della vettura e la loro gestione è la chiave per un ottimo rendimento della vettura. Le gomme di quest'anno si comportano diversamente da quelle dell'anno scorso: dal punto di vista della Pirelli, loro hanno raggiunto il loro obbiettivo, queste gomme non soffrono più di blistering, il;che è buono per la sicurezza, ma noi fatichiamo a capirle". Seconda posizione di giornata per Albon, autore di 110 tornate con la Toro Rosso e che a messo a segno il proprio miglior crono in 1'17 " 079 (+1 " 304) con pneumatici C4. Nel finale di sessione la sua monoposto si è fermata in Curva 10.

Al terzo posto troviamo Fuoco, che con la Ferrari SF90 ha messo assieme 120 giri senza problemi tecnici o errori particolari. I due piloti sono scivolati al di fuori dei migliori dieci tempi di giornata, divisi dalla Racing Point di un Lance Stroll che ha sostituito il compagno di squadra Sergio Perez nello sviluppo delle gomme Pirelli che vedremo l'anno prossimo. Hanno usato invece le C3 sia Magnussen (settimo a 2 " 326) con la Haas che Ticktum (decimo a 3 " 683) con la Red Bull. Quest'ultimo in mattinata ha dovuto anche fermarsi per un guasto alla sua RB15.