A Lube scudetto volley maschile

Regolare Commento Stampare

Nel corso della riunione, a cui ha preso parte anche il general manager della Sir Safety, Benedetto Rizzuto, in considerazione del previsto ingente afflusso di pubblico che determinerà il tutto esaurito, è stato convenuto di rafforzare le misure di sicurezza da parte delle forze di polizia, anche garantendo puntuali servizi di filtraggio degli spettatori, al fine di assicurare il sereno ed ordinato svolgimento della gara. Gara-5 si è infatti decisa questa sera al tie-break, vinto dagli ospiti che sono stati capaci di ribaltare l'iniziale 0-2 nel computo dei set in favore di una Perugia incapace di chiudere i conti. La Lube andava a tratti e questo ha permesso a Perugia di poter ottenere un margine per sognare di vincere lo Scudetto. Si decide tutto in una notte, nella partita che conclude la stagione: tutto o niente, chi saranno i Campioni d'Italia? Più lottato il quarto set che i marchigiani hanno fatto loro portandosi sul 2-2. La reazione non c'è e la maggiore lucidità della Lube permette di conquistare il tie-break. Sulle ali dell'entusiasmo Beppe Cormio volerà oggi a Berlino dove sabato si giocherà la finalissima di Champions tra Lube e Kazan (campione in carica). Una vittoria obbligatoria per Civitanova che potrebbe riportare a distanza di otto anni il titolo in Italia. Bernardi. Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 5, Juantorena 16, Simon 16, Sokolov 19, Leal 15, Cester 0, Marchisio (L), D'Hulst 0, Cantagalli 0, Balaso (L), Kovar 3, Diamantini 5.

Sir Safety Perugia: Piccinelli, Ricci 6, Hoag, Hoogendoorn, Della Lunga (L) n.e., Seif, Leon 20, Lanza 10, Galassi n.e., Berger n.e., Colaci (L), Atanasijevic 14, De Cecco 5, Prodrascanin 4.