Non è la D'Urso, anticipazioni: nuova intervista a Pamela Prati

Regolare Commento Stampare

Continua la telenovela sul matrimonio di Pamela Prati. La prima a intervenire in studio è stata Eliana Michelazzo, una delle agenti dell'ex soubrette del Bagaglino. Ricorderete la vicenda dell'audio registrato dalla giornalista di Fanpage.it che credeva di parlare con l'avvocato Irene della Rocca. A comunicarlo è stato Francesco Fredella che ha pubblicato lo sfogo del legale sulle pagine del settimanale 'Nuovo': "Ho fatto un esposto nei confronti di due persone alla Procura della Repubblica: Pamela Perricciolo e Eliana Michelazzo, agenti della Prati, che si sarebbero spacciate per me per confermare l'esistenza di Mark Caltagirone con gli autori di una trasmissione televisiva".

Pamela Prati si mostra dispiaciuta per l'annullamento delle nozze ma ancor di più per "gli attacchi" mediatici che lei e il suo compagno stanno ricevendo. Silvia Toffanin non crede alle parole della sua ospite: "Vorrei crederti, davvero, mi stai facendo tenerezza in questo momento, ma io e tutta la redazione ci sentiamo presi in giro, anche perché avevamo un contratto insieme che tutte e due le parti avrebbero dovuto rispettare".

L'espressione della D'Urso è iconica, poi con un profondo sospiro commenta: "A questo punto vado avanti da sola e vi faccio vedere tutto quello che avrei fatto vedere a Pamela Prati". Se qualche giorno fa aveva dato il pieno appoggio alle manager di Pamela Prati, ora ha deciso di raccontare tutta la verità sostenendo di avere le prove delle loro bugie.

La showgirl ha infatti dichiarato di non voler parlare per nessuna ragione dello scandalo che l'ha travolta. Secondo quanto rivelato dal giornalista di 'Chi'.

Ma un'altra notizia è venuta fuori e getta altre ombre. Dopo la trasmissione, in camerino, mi girano le scatole e la metto al muro. C'era anche Milena Miconi. Eliana mi mostra delle immagini. "Ma io non mi fido". "Messaggi di lavoro, un po' bizzarri, su investimenti che poi siamo andati a vedere erano inesistenti", ha detto la d'Urso, che ha poi chiesto alla Prati del famigerato premio vinto da Mark in Albania. Resto scioccata. Chi è quell'uomo che manda gli audio alla Michelazzo? La D'Urso quindi le chiede: "Io ti sto dicendo, se lui esiste perché non metti a tacere le voci". Non sapevo come reagire.