Secondo la legge lo striscione contro Salvini non andava rimosso

Regolare Commento Stampare

A parte l'inserimento nella lista del finanziere americano-ungherese e ebreo George Soros, bestia nera del presidente magiaro Viktor Orban, alleato di Salvini, si coglie un'incomprensione di fondo. Sequestri di telefonini, persone segnalate, striscioni ritirati. L'ulteriore stretta voluta dal leader leghista per far fronte al calo di voti riceve già in mattinata critiche dal leader M5S: "Non vorrei che il dl sicurezza bis fosse un'ennesima iniziativa per coprire il caso Siri e per coprire quello che è successo sulla corruzione in queste ultime tre settimane" ha dichiarato Luigi Di Maio parlando a margine di un'iniziativa del forum delle associazioni familiari. "Se si fa un piccolo conteggio si renderà conto che oltre l'80% delle strade è previsto lo spazzamento meccanizzato e solo per una quantità inferiore di strade al 20% è previsto quello manuale", spiega Cantarella. "Vediamo che fa il Movimento cinque Stelle" ha detto Salvini. Alla Sapienza oggi sono tornate le camionette delle Forze dell'Ordine come non accadeva da tempo. Lo scrive Luigi Di Maio su Fb, con un appello "a tutte le forze politiche anche all'interno del governo": "Basta slogan, basta polemiche, vogliamo lavorare".

Non c'è bisogno d'intrufolarsi in alcun codicillo giuridico per convincersi all'istante come una contestazione rumorosa che si tenga nello stesso momento in cui si svolga un comizio legalmente autorizzato, in modo da impedirne o renderne particolarmente difficoltoso lo svolgimento, assuma i caratteri dell'illiceità e meriti d'essere sanzionata. "E' nel contratto di governo e si deve fare - insiste il leader politico dei 5S -". Siamo stati eletti per questo.

Un'accusa pesante che ruota intorno ai tanti misteri sulle finanze della Lega che da Bossi in poi è sempre stata oggetto di accertamenti giudiziari: "Salvini è un seminatore di odio, un predicatore di intolleranza". Per questo ho chiesto a Salvini e Di Maio di fare una commissione di inchiesta parlamentare sulla propaganda, ma qualcosa mi dice che Luca Morisi e Casaleggio non autorizzeranno questa decisione. Lo affermano fonti della Lega in una nota.