Gli Alpini piacentini sfilano per le strade di Milano nell'Adunata del centenario

Regolare Commento Stampare

Quasi duemila penne nere lecchesi, in rappresentanza di 71 gruppi del territorio, hanno partecipato all'Adunata Nazionale Alpini di Milano che ha festeggiato il centenario dell'Ana. Secondo ultime stime "si attendono nel capoluogo lombardo 500.000 alpini pronti ad "invadere" la città - spiegano gli organizzatori - con i loro caratteristici cappelli, le loro lunghe penne e i canti che accompagnano le adunate". Alle 9,30 l'Incontro tra il presidente, il Cdn e i presidenti di sezione con le sezioni all'estero, le delegazioni Ifms e militari stranieri al Teatro Dal Verme, in via S. Giovanni sul Muro.

Domani il grande clou con la sfilata per le vie della città, con l'ammassamento previsto alle 8 negli spazi assegnati. Percorso: corso Venezia, piazza San Babila, corso Matteotti, piazza Meda, via San Paolo, corso Vittorio Emanuele II, piazza Duomo, via Orefici, via Dante (scioglimento largo Cairoli e Foro Buonaparte).

Presenti diversi sindaci dei comuni della provincia.

Per l'adunata non è mancato un nutrito plotone in arrivo dal Friuli Venezia Giulia, con 8 mila alpini e circa 5 mila persone al seguito. Raffigura una scritta "MI19" sistemata in modo da richiamare le guglie del Duomo. "L'esperienza e l'addestramento che la montagna ci permette fa, di ogni alpino, un soldato eccezionale per capacità e spirito di sacrificio, pronto a fare il proprio dovere dalle sabbie dell'Afghanistan al fango delle alluvioni". Nelle parole del Comandante delle Truppe Alpine, il generale di corpo d'Armata Claudio Berto, del sottocapo di Stato Maggiore dell'Esercito, il generale di corpo d'Armata Claudio Mora, la fierezza degli alpini in armi, che si fanno apprezzare in tutto il mondo per la loro professionalità, competenza e umanità.

La medaglia è stata invece disegnata da Alessio Famlonga di Lurago d'Erba (Como), socio del gruppo alpini di Costamasnaga (Lecco).

(Foto e video: Qdpnews.it ® riproduzione riservata). La manifestazione ha trasformato di fatto il centro in una grande area pedonale, dalle 7 alle 21.