Eurostat: disoccupati, più in Sud Italia che in Germania

Regolare Commento Stampare

In ogni caso sempre stando ai dati diffusi da Eurostat, i disoccupati di lunga durata in Italia sono diminuiti assestandosi intorno a 1,6 milioni di unità (-81.600) ma rimangono comunque il numero più elevato tra i 28 Stati dell'Unione Europea.

Arrivano dati interessanti da Eurostat in merito ai disoccupati di lunga durata: al Sud e nelle Isole sono 900mila, ovvero un dato superiore a quello dell'intera Germania dove però vivono ben 82 milioni di persone rispetto ai 20,6 di Sud e Isole italiane.

LAVORO, IL DIFFICILE CAMMINO DELLE DONNE - Nonostante l'occupazione femminile in Italia sia cresciuta (era al 49,5% nel 2018 dal 48,9% del 2017) cresce ancora il divario con il tasso medio di occupazione femminile in Europa (63,3%, dal 62,4% del 2017). La cifra è inoltre più che raddoppiata rispetto al 2008 quando erano senza lavoro da oltre 12 mesi solo 752mila persone. Mentre in Germania l'andamento è stato opposto con 1,6 milioni di disoccupati di lunga durata nel 2008 e un milione in meno dieci anni dopo. In Italia chi è senza occupazione da oltre 12 mesi rappresenta il 58,1% della disoccupazione complessiva a fronte del 43,2% nell'Ue a 28 e del 40,9% in Germania ma le differenze sono molto significative sul territorio. Ha un'occupazione inferiore al 30% anche la Campania seguita da Calabria (31%) e Puglia (32,8%). La media europea è del 6,9%.

Per quanto riguarda l'Italia si evidenzia come le regioni meridionali abbiano la disoccupazione giovanile tra le più alte in Europa: Campania, Sicilia e Calabria sono tra le ultime in classifica.

Dall'inizio della crisi l'Italia ha registrato una crescita significativa della forza lavoro grazie all'aumento della partecipazione delle donne e alla stretta sulle regole per l'accesso alla pensione con la permanenza in ufficio della fascia più anziana della popolazione. Nel complesso registrano una performance negativa il Lazio (da 156mila nel 2017 a 172mila), la Calabria (da 100mila a 105mila) e la Sicilia (da 249.600 a quasi 256.000).