Ajax, Ten Hag: "Sono orgoglioso, il risultato ci va un po? stretto"

Regolare Commento Stampare

Così Massimiliano Allegri alla vigilia del ritorno dei quarti.

Il sogno continua. L'Ajax di Erik ten Hag esce a testa altissima anche dallo Juventus Stadium e dopo aver fatto fuori il Real Madrid, grazie a velocità, tecnica e una perfetta organizzazione di gioco soprattutto nel secondo tempo elimina anche i bianconeri che lo stesso tecnico olandese dava per favoriti. Decisiva, nell'insieme, sarà la presenza o meno di Frenkie De Jong, non solo giocatore unico per senso geometrico e inventiva nella costruzione, ma anche il più duttile proprio nella lettura di posizionamenti e marcature preventive (come si è visto all'andata).

Il risultato di 1-1, infatti, gioca a favore della Juventus, ma guai a pensare di poterci lucrare sopra. Allegri gli preferisce De Sciglio. In attacco Moise Kean partirà dalla panchina, il terminale offensivo sarà Dybala e ai suoi lati ci saranno Ronaldo e Bernardeschi.

Il valore della rosa più alto tra le squadre presenti ai quarti di Champions League è quello del Barcellona (1,18 miliardi) che precede il Manchester City (1,14 miliardi) e Liverpool (950,50 milioni).

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Rugani, Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Ronaldo, Dybala (Kean).

Jmania.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.