Gasperini: 'Incontrai De Laurentiis, che risate quel caffè! Maradona mi insultò perchè...'

Regolare Commento Stampare

Perchè ce la faremo a qualificarci in Champions?

Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta, ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport, soffermandosi anche sulla sfida di Europa League tra Napoli e Arsenal. "Perché non abbiamo pressioni". Ecco le sue parole, riportate dalla consueta rassegna stampa di Radiosei: "Se Milan-Lazio finisse pari si rimescolerebbero ancora le carte". Di seguito quelli più interessanti: "Ho un contratto e sto bene qui a Bergamo, il mio futuro è l'Empoli lunedì, poi la Fiorentina e la finale di Coppa Italia". Oggi i bergamaschi sono una delle realtà più entusiasmanti e prospere del nostro calcio e il merito, per larga parte, è dell'allenatore. Il nuovo Gasperini? Mi vengono in mente De Zerbi e Inzaghi. "Inutile pensare a cosa accadrà tra due mesi, quattro o dieci". Ma dalla sera alla mattina cambia il mondo: "le analogie non servono, conta la quotidianità". Oggi sono un tifoso sfegatato di Gattuso. E lo sa perché? "A Napoli per un po' mi hanno odiato, come se fossi il peggior nemico". "A livello tattico il Milan lo ha creato lui, si vede che ha quei colori tatuati sulla pelle".