Bimba costretta a mangiare cracker e tonno, Candreva: "Pago io"

Regolare Commento Stampare

Il problema era quello di una bambina della scuola elementare Giacomo Zanella di Minerbe, in provincia di Verona: visto che la sua famiglia, di origine straniera, non è in grado di pagare la retta, per lei alla mensa il pasto è stato ridotto. Ed è proprio qui che Candreva interviene.

Poco impiegato in stagione da Spalletti, Antonio Candreva diventa però protagonista fuori dal campo. L'esterno nerazzurro ha parlato con il sindaco del paese di Minerbe, Andrea Girardi, per avere i dettagli della vicenda e annunciare che vorrebbe pagare la retta delle mensa in favore della bimba. L'episodio, rivelato dal quotidiano L'Arena, non sarebbe comunque il primo avvenuto nella scuola della località della Bassa veronese. Mentre i compagni mangiano il menu completo previsto dalla scuola, per la bimba restano un pacchetto di crackers e una scatoletta di tonno al giorno.