Banche, Conte: "Dobbiamo varare al più presto decreto per i truffati''"

Regolare Commento Stampare

Conte probabilmente chiederà lumi al ministro sui ritardi nei rimborsi ai truffati, ma soprattutto imporrà a Tria una linea comune contro l'Ocse, visto che martedì il premier incontrerà proprio il segretario dell'Organizzazione internazionale, Angel Gurria. E' quanto ha detto il premier, Giuseppe Conte, parlando al Festival Nazionale dell'Economia Civile a Firenze in merito alle preoccupazioni espresse dal titolare del dicastero di via XX Settembre, Giovanni Tria. "Domani vedrò anche il ministro Tria, il provvedimento va varato assolutamente, al più presto il decreto".

"La Germania, motore d'Europa, è ferma" - Secondo il ministro, il "rallentamento della crescita in Europa", è dovuto al fatto che "si è fermato il motore, la Germania", e quindi "si è fermata anche la parte più produttiva dell'Italia, quella del manifatturiero che esporta". "Nella medesima prospettiva riformatrice del reddito di cittadinanza - ha premesso il presidente del Consiglio - orientata alla ricostruzione di un rapporto di fiducia e alla ricomposizione di un quadro sociale profondamente lacerato a causa delle politiche economiche perseguite negli ultimi anni, si inserisce anche Quota 100".

"Le riforme già varate non sono nulla rispetto a quello che ancora faremo. L'impegno e' ricostruire la fiducia tra cittadini e istituzioni", ha proseguito Conte, annunciando: "Domani non e' previsto il Consiglio dei ministri, lo fisseremo ovviamente in settimana e porteremo il Decreto crescita".

Dopo le polemiche di ieri, da Firenze il premier Conte cerca di abbassare un po' la tensione sul Congresso della Famiglia: "Il mio motto - sottolinea il presidente del Consiglio - è: sobri nelle parole, generosi nelle azioni". "A me personalmente dispiace molto che sul tema della famiglia possano esserci un po' polemiche e dialettiche. Bene le parole e le discussioni, rispettando ognuno le idee dell'altro, ma non perdiamo mai di vista la "ragione sociale" per cui siamo al governo: lavoriamo con la massima concentrazione per gli interessi degli italiani".