Christchurch: il terrorista fascista fa in aula il gesto dei suprematisti bianchi

Regolare Commento Stampare

Domenica la polizia ha annunciato che il numero dei morti nell'attentato è passato da 49 a 50, dopo avere ritrovato un corpo alla moschea di Deans Avenue, la prima attaccata da Tarrant. Un corposo testo denominato "The Great Replacement" e pubblicato online in cui si descrive come "un semplice uomo bianco di 28 anni, nato in Australia in una classe lavoratrice a basso reddito che ha deciso di prendere posizione per garantire un futuro alla mia gente". Ci lavorava da due anni. Sui caricatori delle armi usate per la strage nelle moschee di Christchurch era stato "inciso" anche il nome di Luca Traini, 28enne di Tolentino autore della sparatoria contro gli immigrati avvenuta a Macerata il 3 febbraio del 2018. E ci sono gli eroi storici delle guerre contro i musulmani, da Poitiers a Lepanto: il re franco Carlo Martello, il doge Sebastiano Venier, l'ammiraglio veneziano Marco Antonio Bragadin scuoiato vivo dai musulmani. Il terrorista, riporta il sito australiano News.com.au, aveva preannunciato la strage sul forum '8chan' ed ha scelto di colpire la Nuova Zelanda - che non era il suo obiettivo originale - solo tre mesi fa.

Nel giorno dopo la strage, le urla, il fragore dei colpi, l'odore acre che mescola sangue e polvere da sparo, il terrore e la minaccia che incombe sono ancora nell'aria e deflagrano inquietantemente nelle zone delle due moschee di Christchurch ieri nel mirino dello spietato attacco suprematista di un commando in azione che sul terreno ha lasciato almeno 49 morti e 48 feriti. Il New York Times scrive che nel video, che è stato successivamente rimosso, si vede un uomo che guida verso la moschea, parcheggia la macchina e inizia a sparare sui fedeli per due minuti senza fermarsi mai. C'è chi si è salvato lanciandosi attraverso una finestra, chi si è nascosto sotto una panca.

Nessuna delle quattro persone fermate risulta avere precedenti penali o è stata segnalata nella 'lista nera' in Nuova Zelanda o in Australia. La notizia è stata confermata dal premier di Canberra, Scott Morrison. In tutto arrestate 4 persone.