Scontri tra polizia e gilet gialli a Parigi, danni a negosi

Regolare Commento Stampare

Tre macchine della polizia sono state assaltate da alcuni manifestanti.

Negozi saccheggiati. Saccheggi e devastazioni dopo il passaggio dei gilet gialli e gli scontri violenti con la polizia, attaccata dai black bloc, sugli Champs-Elysees. Hanno deciso, come canto del cigno, di venire ad attaccare Parigi ma noi li abbiamo anticipati e rispondiamo colpo su colpo": "così il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, ha commentato la guerriglia che da stamane ha investito il centro di Parigi e in particolare la zona degli Champs-Elysees.

Sulle "7-8mila persone" che manifestano attualmente a Parigi, 1.500 sono "ultraviolenti venuti a distruggere e ad assaltare l'Arc de Triomphe", ha spiegato il ministro dell'Interno francese. Venti persone sono già state arrestate.

Gilet Gialli, primi scontri a Parigi sugli Champs-Elysees
Gilet Gialli, un altro sabato di proteste: i manifestanti affrontati dalle forze dell’ordine

Lacrimogeni e cannoni d'acqua sui manifestanti nel 18esimo giorno di mobilitazione dei "gilet gialli" a Parigi. Una donna con il bambino, rimasti intrappolati al secondo piano, sono stati salvati in extremis dai pompieri. Ad essere presi di mira anche una banca e un ristorante di lusso, i cui interni sono stati devastati. La polizia ha tentato di respingere gruppi di giovani in abiti neri che hanno attaccato da diverse direzioni. In quest'ultima l'assalto è stato interrotto da un intervento della polizia al quale hanno fatto seguito nuovi scontri fra i casseur e gli agenti.

Stando al ministero dell'Interno, l'atto 17, la settimana scorsa ha raccolto 28.600 manifestanti in Francia, ossia dieci volte meno dei 282.000 del 17 novembre, quando il movimento ha iniziato la sua protesta. Ma dopo qualche ora erano tornati.

La manifestazione dei gilet gialli di oggi era stata annunciata come "decisiva" e l'appuntamento era stato battezzato "ultimatum a Macron". La scena, inedita, è avvenuta davanti al Grand Palais, a pochi metri da dove si alzano colonne di fumo dai locali e dalle edicole di giornali in fiamme, tra fumo di lacrimogeni e scene di caos. Nella giornata di oggi, una Marcia per il clima raggiungerà place de la Republique e poi la Bastiglia, ma da Republique transiterà anche un corteo "contro le violenze della polizia". Infine, blocchi sono previsti attorno al Peripherique, la tangenziale parigina, da parte degli ambulanti che hanno lanciato un appello ai gilet gialli a unirsi alla loro protesta.