La gaffe di Rita Pavone, lo sdegno sui social, le scuse

Regolare Commento Stampare

Ma tranquilli, quando il clima ci ridurrà alla fame, alla sete, alle migrazioni di massa, alla guerra e all'annientamento, ci salverà Rita Pavone.

Lei, Greta Thunberg, è diventata un simbolo della lotta contro la catastrofe climatica denunciata da tutti gli scienziati e negata da chi specula e fa soldi sulla vita delle persone. "Sembra un personaggio da film horror": queste sono le parole della Rita nazionale su Twitter.

Il post ha suscitato tantissime reazioni di sdegno soprattutto per il fatto che Greta è affetta dalla sindrome di Asperger. Complice la terribile gaffe di Rita Pavone che ha attaccato la ragazzina definendola da "film dell'orrore" salvo scusarsi dopo aver scoperto che Greta ha la sindrome di Asperger. Una vera forza della natura, questa ragazzina, che da sola è riuscita smuovere le coscienze di tante persone che si sono unite nella sua lotta per chiedere ai governi di tutto il mondo di agire per salvare il pianeta.

Intanto, il web è ancora in protesta. Io mi ricordavo la ragazzina con le treccine di un film e ho detto che mi metteva a disagio. Anzi. E hanno randellato la povera Rita Pavone sul suo aspetto fisico. Mi dispiace, chiedo scusa, non sapevo avesse un problema e non intendevo offendere. Cosa vogliono? - ha aggiunto in tono concitato - Che mi impicchi o che mi che mi tagli le vene? Perché sono incappata in un gravissimo errore di cui chiedo venia. Si tratta del senatore Alberto Bagnai, che appoggia la Pavone e le risponde così: "Lo è". Non pensavo di creare questo scompiglio, se qualcuno ha detto una battuta in più non l'ho detta io.

Quanto è triste un mondo in cui è diventato impossibile credere persino che una quindicenne abbia entusiasmi, idee, iniziative e un coraggio semplicemente suoi. Io ho un labbro inferiore per cui devo dire grazie - croce e delizia - a mia nonna. Io non ho mai fatto un intervento estetico. "Non ho mai fatto un intervento, anche perché altrimenti sarei una cretina se il risultato è quello che ho.".