"Estradate Casimirri", la Lega vince la battaglia al Parlamento Europeo

Regolare Commento Stampare

Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria a Strasburgo, ha approvato l'emendamento proposto dall'esponente della Lega Nord, Mario Borghezio, sulla richiesta di estradizione di Alessio Casimirri, l'ex membro delle Brigate Rosse condannato in Italia a sei ergastoli e che oggi vive in Nicaragua: il testo è stato approvato con 219 voti a favore, 108 contrari e 33 astensioni.

Condannato all'ergastolo, è scappato in Nicaragua, dove da anni è proprietario del ristorante "La Cueva del Buzo" a Managua. Gravi violazioni dello Stato di diritto Nella risoluzione, il Parlamento prende atto della grave situazione in cui è piombato il Paese dopo i tumulti che hanno avuto luogo nell'aprile e nel maggio 2018 e chiede alle autorità nicaraguensi la definizione di una chiara tabella di marcia per elezioni libere, eque e trasparenti da organizzare nel prossimo futuro. "Siamo fermamente convinti che i delinquenti scappati all'estero debbano tornare in Italia e scontare le loro pene". L' emendamento ha però ricevuto un vero e proprio sostegno bipartisan: "La richiesta di assicurare alla giustizia il brigatista latitante Alessio Casimirri è sacrosanta".

Lo scrive su facebook Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell'Interno. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.