Via libera dall'Ecofin alla nuova lista nera dei paradisi fiscali

Regolare Commento Stampare

A queste, si sono aggiunte Barbados, Emirati Arabi Uniti, Aruba, Isole Marshall, Oman, Vanuatu, Bermuda, Belize, Isole Figi e Dominica.

L'UE ha ampliato la sua lista nera dei paradisi fiscali opachi di dieci paesi e territori.

In partenza vi erano Guam, le Isole Vergini degli Stati Uniti, Samoa, Samoa Americane e Trinidad e Tobago.

Altre 34 giurisdizioni continueranno a far parte della lista grigia mentre 25 ne sono state cancellate perché rispettano attualmente gli standard fiscali e di governance. "Tuttavia, il processo di blacklisting rischia di produrre un risultato debole, soprattutto se al prossimo Ecofin i governi Ue annunciassero una lista nera rivista, con alcune illustri assenze" ha commentato Mikhail Maslennikov, policy advisor sulla giustizia fiscale di Oxfam Italia. Da quando è stato adottato per la prima volta alla fine del 2017, l'elenco ha dimostrato la sua validità nel portare avanti in modo cooperativo l'agenda dell'Ue di migliorare le pratiche fiscali globali, combattere l'elusione fiscale e migliorare il buon governo e la trasparenza: "più di 30 giurisdizioni hanno già consegnato gli impegni a passare le riforme fiscali".

La nuova lista di paradisi fiscali ha provocato le reazioni negative di molti, a causa dell'assenza di alcuni paesi frequentemente considerati paradisi fiscali. Stranamente, dall'Italia, però, il ministro Tria ha avuto delle remore. Pare ancora incerta, invece, la sorte degli Emirati arabi uniti: Italia ed Estonia, infatti, sarebbero contrarie al loro inserimento e, stando ai rumors, avrebbero proposto di aspettare ancora qualche mese, così che la federazione di emirati abbia il tempo di approvare regole fiscali conformi agli standard europei. "Ma in ogni caso - ha aggiunto - tutto sarà risolto appena questa legislazione verrà approvata e quindi gli Emirati se oggi entrano nella lista usciranno subito dopo". La nostra opinione rimane, ma ovviamente terremo conto anche dell'opinione degli altri in cerca di una soluzione positiva.