Incendio a Jerez, distrutto box MotoE

Regolare Commento Stampare

Un incendio divampato nella notte nel circuito spagnolo di Jerez de la Frontera ha completamente distrutto la struttura che ospitava le MotoE, le moto elettriche che sarebbero dovute essere protagoniste di un nuovo campionato al via il 5 maggio sullo stesso tracciato, in concomitanza con il Gp di Spagna del Motomondiale. Gli organizzatori hanno cancellato le sessioni in programma per giovedì e venerdì e a questo punto è a rischio anche l'inizio del campionato.

Le cause del rogo sono ancora da verificare, e non è detto che sia scaturito da batterie o dalle moto. Tra le due ruote a finire in cenere anche quella della Sic58 Squadra Corse di Paolo Simoncelli, che schiera il giovane Matteo Casadei.

La Dorna, società organizzatrice del campionato, fa sapere che non si correrà a Jerez per quest'anno, ma "il campionato si farà".

Le prime supposizioni parlano di una colonnina di ricarica che avrebbe preso fuoco innescando l'incendio che ha devastato tutte le moto, situate tutte nella stessa stanza per essere ricaricate. "Adesso sarà necessario per tutti i team lavorare per ricostuirle e, sicuramente, la prima gara salterà". - Per il nostro team i danni sono relativi, circa 50mila euro, ma il problema è che tutte le moto sono andate distrutte.