FCA: rinnovato contratto per 87 mila, Fiom fuori dai negoziati

Regolare Commento Stampare

Questo lavoro verrà sviluppato in un anno con uno specifico gruppo di lavoro, rappresenterà un cambiamento radicale e innovativo sul sistema di riconoscimento della professionalità in particolare nel nuovo contesto di industry 4.0. Si sono migliorate le indennità sulla turnistica relativa ai turni superiore ai 18 turni, estendendola a tutti (salvo i discontinui) e portando il contributo a 25€ per sabato su domenica. Si è rafforzato il ruolo dei rappresentanti della sicurezza (Rls) attraverso la formazione e la dotazione di nuova strumentazione.

Il secondo è il completamento del sistema partecipativo che - sostiene l'azienda - ormai rappresenta non solo un modello di dialogo qualificato con le organizzazioni sindacali, ma è parte integrante dell'approccio industriale del Gruppo in Italia.

Proprio ieri mattina i rappresentanti della Fiom, tra i quali il segretario provinciale Marco Massari, hanno fatto volantinaggio di fronte ai cancelli dello stabilimento suzzarese per annunciare lo sciopero di oggi: "La firma del rinnovo del 'contratto Fiat' - si legge nel volantino della Fiom - è una vittoria per l'azienda che per altri quattro anni potrà continuare a raggiungere gli obiettivi di efficienza, aumentare gli utili e la redditività, riducendo i costi". L'accordo risulta essere innovativo sul tema dello smart working e presto inizierà anche una fase di discussione per rivedere le fasce e ragionare su un sistema comune di valutazione della professionalità. Inoltre le tabelle di efficienza avranno un incremento dell'1,5%. Si riforma anche l'inquadramento professionale.

Trovato l'accordo relativo al rinnovo del contratto collettivo di lavoro Fiat-Chrysler Automobiles 2019-2002 per 87.000 lavoratori Fca, Cnh Industrial e Ferrari: ad averlo siglato, al termine del tavolo che si è tenuto nelle scorse ore all'Unione Industriale di Torino insieme alle direzioni aziendali, sono state le rappresentanze sindacali Fim, Uilm, Fismic, Uglm e dell'Aqcfr-Associazione Quadri e Capi Fiat.