Di Maio pronto a cambiare M5S: "Proposte da votare su Rousseau"

Regolare Commento Stampare

"Dove non siamo pronti dobbiamo smetterla di presentarci", scrive analizzando il voto in Abruzzo, che ha visto un drammatico calo dei consensi per il suo partito.

"Ogni volta che il M5S ottiene alle elezioni locali un risultato inferiore a quello delle politiche, c'è chi non parla d'altro che della sua fine imminente. Alle elezioni comunali di giugno 2017 abbiamo preso di media il 7,8%" e poi "il 33% alle politiche".

"In questi giorni dopo le elezioni ho riflettuto - ha detto Di Maio -. Dopo la Sicilia, dopo il Molise, dopo l'Abruzzo". Mi ha colpito il fatto che in alcune regioni in questi anni siamo rimasti nella nostra 'zona di comfort', evitando di incontrare categorie importanti come ad esempio quelle dell'imprenditoria e del volontariato.

"Ci sono alcuni problemi di fondo". E ancora: "I nostri iscritti hanno votato il contratto di Governo e io ho dato la mia parola agli italiani che si va fino in fondo". Che io come capo politico del MoVimento 5 Stelle intendo affrontare. E "a giugno 2018 abbiamo preso in media il 12% alle comunali".

Luigi di Maio stava semplicemente provando a riscrivere i dogmi del movimento fondato da Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo in quella che è la prima e vera impronta politica del 33enne di Avellino. Non sa cosa sia meglio fare per restare al governo senza sacrificare il Movimento, dicono i più. Dobbiamo affrontare il tema dell'organizzazione nazionale e locale, dobbiamo aprire ai mondi con cui sui territori non abbiamo mai parlato a partire dalle imprese, dobbiamo decidere se guardare alle liste civiche radicate sul territorio.

"Sicuramente tutti quanto e per carità hanno il diritto di contestare questo governo però non strumentalizziamo le tragedie delle persone per attaccare questo governo", così poi il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio rispondendo durante il 'Question Time' al Pd. Nelle prossime settimane presenterò agli iscritti delle proposte da sottoporre a consultazioni online. Se si è degli infanti, è chiaro che si possono ignorare le regole della diplomazia e dell'educazione e le conseguenze anche economiche gravissime che atti di questo genere possono avere. Anche le elezioni amministrative vanno affrontate con strategia e rigore. Della serie: ci saranno sempre gli strumenti della restituzione degli stipendi e dell'aiuto ai territori, ma dovranno necessariamente essere affiancati da una struttura organizzata. "Richiederà mesi e richiederà impegno da parte di tutto il MoVimento per poi arrivare alla formulazione di proposte da votare su Rousseau". Ancorato ai suoi valori, ma in continua evoluzione. "E soprattutto unito e coerente".

Dove governiamo come governo e dove siamo minoranza come opposizione. Siamo il MoVimento 5 Stelle e siamo al servizio dei cittadini.