"Abbasso Napolitano, Sanremo e Parigi!". Di Battista contro tutti

Regolare Commento Stampare

Alle pressioni dell'allora presidente francese "si sono piegati in maniera vile Napolitano e in maniera ancora più vile Berlusconi" Quest'ultimo è considerato da Alessandro "doppiamente colpevole" perché il suo comportamento "è stato ancora più vile perché era contrario". Parigi aveva già richiamato l'ambasciatore quando sollevammo il problema delle risorse dei Paesi africani, del Franco Fca. "Liberissima di invitare chi vuole (perfino chi in un passato recentissimo le ha dato della 'puttana'), ma perché proprio nella giornata del voto in Abruzzo - e nel pieno della consultazione elettorale - la Rai con Lucia Annunziata, permette una passerella e una ribalta a Alessandro Di Battista?" si sono chiesti. Economie deboli non possono essere legate a una moneta forte. Quindi, ribadisce Di Battista, "la crisi diplomatica va risolta a testa alta".

A detta dell'attivista del M5S "è una stupidaggine" che Air France si sia sganciata dal dossier Alitalia a causa della crisi diplomatica fra i due paesi. "Le istituzioni italiane incontrino al più presto quelle francesi per parlare di punti politici, del futuro dell'Europa. Io voglio un seggio dell'Europa all'Onu e pretendo una decolonizzazione che non c'è mai stata in Africa, in questo sono molto più europeista di Macron", continua Di Battista.

E sulla situazione in Venezuela ha ribadito: "Non ho mai detto che essere neutrale vuol dire stare con Maduro, sono fake news". Sicuramente legittimare un signore presidente dell'Assemblea significa soffiare sul fuoco.

Alla domanda se non fosse il caso che Di Maio incontrasse i gilet gialli, l'esponente 5Stelle ha risposto: "No, non lo credo". "Sto con Putin? L'Europa avrà un futuro se si sgancerà dagli americani, guardiamo oltre gli assetti post seconda guerra mondiale". Se poi "Macron vede questo come lesa maestà è un problema suo". Ma mi chiedo: "si può essere paladini dell'Europa e mettersi al di fuori delle regole europee?", criticando il presidente francese Emmanuel Macron.

"Il governo di Parigi non può fare la morale a noi sul razzismo quando i loro gendarmi alcune settimane fa hanno sbattuto i migranti alla frontiera in una foresta come cani", ha aggiunto parlando del tema migranti.