A Roma sindacati in piazza: "Il governo cambi la politica economica"

Regolare Commento Stampare

Per tutte queste ragioni, che rischiano di avere effetti devastanti per una regione come la Sardegna, la partecipazione alla manifestazione e l'impegno organizzativo sono decisamente imponenti e si è reso necessario organizzare il doppio viaggio in nave da Cagliari (alle 18) e da Olbia (alle 22 e 30), con circa quaranta pullman al seguito, per portare a Roma tutte le delegazioni provenienti dai diversi territori dell'Isola. Il corteo è stato indetto a sostegno della piattaforma unitaria che i sindacati hanno sottoscritto per chiedere al governo di aprire un confronto sulle scelte da attuare per il paese. "Il governo torni indietro altrimenti va a sbattere" sono le dichiarazioni del leader della Cgil.

È la prima con Maurizio Landini alla guida della Cgil. I sindacati in corteo sono partiti da piazza della Repubblica per giungere a piazza San Giovanni dove sono intervenuti i segretari generali Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.

"Un governo - prosegue il Silp Cgil - che fino ad oggi ha vissuto di annunci e promesse, che sulla sicurezza non ha immesso le necessarie risorse per gli operatori e che ha incrementato la paura, pone ai poliziotti democratici la necessita di far sentire con forza la propria voce". Così come i segretari provinciali Anselmo Briganti (Cgil Frosinone-Latina), Enrico Capuano (Cisl Frosinone) e Anita Tarquini (Uil Frosinone). Futuro del lavoro perchè questa manovra non prevede investimenti e non da certezza. A pagare non possono essere sempre i soliti, cioè lavoratori, pensionati e giovani. Dalle Marche partiranno oltre 4mila tra lavoratori e pensionati. Quanto alla realtà virtuale, per Di Maio era "quella dei governi precedenti che hanno massacrato tutto quello che gli italiani avevano sull'altare dell'austerity: risparmi, lavoro, imprese". "Oggi qui c'e voglia di esserci, di partecipare". In primo piano il lavoro, gli investimenti pubblici e privati nelle infrastrutture e la rivalutazione delle pensioni.

Per Domenico, praticamente, un desiderio che si avvera, grazie al percorso svolto presso la SSML San Domenico di Foggia, una delle eccellenze della nostra Capitanata, perché a chi crede nei sogni basta un gradino per raggiungere le stelle. I manifestanti portavano striscioni e cartelli con slogan quali "Futuro al Lavoro", "Non siamo il vostro bancomat" e "Giù le mani dalle pensioni", "Più Stato sociale, meno social". "Sì al gas naturale italiano".