Sanremo, arriva la perizia fonica su Livio Cori: 'E' lui Liberato'

Regolare Commento Stampare

Nino D'Angelo e Livio Cori, salgono sul palco per cantare "Un'altra luce": il cantante napoletano esordisce dicendo: "Si parla tanto di Ultimo, eccomi qua".

Nino D'Angelo e Livio Cori sono tornati sul palco dell'Ariston per partecipare a Domenica In dove, come da tradizione, gli artisti che hanno preso parte al Festival di Sanremo eseguono nuovamente la loro canzone.

Parole semplici che hanno suscitato l'applauso di buona parte dello studio di Rai 1, Nino D'Angelo è da sempre fiero orgoglioso rappresentante della terra partenopea.

Nemmeno i Sottotono alzano la media della canzone.

Il riferimento è alla posizione del cantante napoletano, che in questa edizione di Sanremo è arrivato ultimo.

Nel dettaglio, infatti, a pochissime ore dalla messa in onda della quinta e ultima serata di questo fortunatissimo Festival di Sanremo, il professor Ugo Cesari ha fatto sapere a Fanpage.it di aver condotto una vera e propria perizia fonica così da arrivare a capire se la voce di Livio Cori potesse essere quella di Liberato. Per l'esperimento è stato messo a confronto un estratto del brano Nove maggio di Liberato e un campione di Surdat di Cori e ne è emerso quanto segue: "Le formanti di Livio Cori sono assolutamente sovrapponibili a quelle di Liberato, quindi da un punto di vista dell'analisi spettrografica, Livio Cori è Liberato, assolutamente sì".

Alla ripresa c'è ancora un problema di base. Per stemperare la tensione ha scherzato: "Noi andiamo a comprare un cd e cantiamo".

Si prende tempo ma niente da fare, la base non si trova.