Crisi Italia-Francia: Air France valuta di uscire dalla partita Alitalia

Regolare Commento Stampare

Air France avrebbe deciso di sfilarsi dal tentativo di salvataggio di Alitalia: la decisione, riporta il Sole 24 Ore, è "dovuta a motivi politico-istituzionali", riferiscono "fonti autorevoli".

La crisi diplomatica tra Italia e Francia inizia ad avere i primi effetti anche in campo economico. Air France infatti non ha ufficialmente confermato di essersi defilata dall'operazione. Nel frattempo, Alitalia continua ad attingere al prestito statale di 900 milioni per il suo sostentamento. "L'entusiasmo di Air France non si è raffreddato adesso", minimizza intanto il vicepremier Luigi Di Maio, negando che le tensioni politiche tra Roma e Parigi possano avere influito.

Si complica lo scenario per l'ex compagnia di bandiera, che sta attendendo che Fs trovi un partner industriale per un'offerta. Lo ha detto Alessandro Di Battista a In Mezz'ora in Più. Un macigno per le casse pubbliche in questa fase di recessione e di ulteriore crescita del debito pubblico provocate dal governo gialloverde. Una mossa che stravolgerebbe l'ipotesi di entrata in cordata di Air France Klm e Delta insieme a Ferrovie dello Stato, una delle più gettonate.

"Sto seguendo il dossier Alitalia da diversi mesi". A cinquanta giorni dalla chiusura del negoziato, manca ancora il partner industriale e il piano di ristrutturazione.

"Da noi - conclude Di Maio - il gilet giallo lo indossano i pensionati d'oro a cui abbiamo tagliato le pensioni". C'è, invece, l'interesse che Alitalia rimanga nell'alleanza Skyteam e nella joint venture transatlantica ed è sulla base di questo presupposto che Air France-Klm valuta le modalità di un sostegno a Delta. Una situazione aggravata dalla "incompetenza e incapacità di Di Maio".