Bitcoin in gravi difficoltà. Le quotazioni scendono sotto i 3.400 dollari

Regolare Commento Stampare

Il caso exchange QuadrigaCX apre gli occhi sulle criptovalute e su come sia necessaria la loro regolamentazione. Il 30enne è il fondatore di una delle più importanti piattaforme di Exchange di criptovalute, la QuadrigaCX.

Scomparso lo scorso dicembre a soli 30 anni, il giovane non ha mai rivelato la password per accedere alla piattaforma, portandosi nella tomba un tesoro equivalente a 150 milioni di dollari (190 milioni di dollari canadesi) criptovalute.

Sono i soldi digitali degli investitori che li avevano depositati nella nota exchange.

La notizia che in poche ore ha fatto il giro del Globo, ha mobilitato i migliori esperti e tenici informatici che stanno tuttora cercando di "violare" il sistema di sicurezza messo a protezione del sistema per accedere ai preziosi dati in esso contenuti. Quando aveva deciso di fondare la piattaforma si era assicurato che nessuno, a parte lui, potesse accedere virtualmente al sito, creando una rete crittografica talmente fitta da permettere l'accesso esclusivamente dal suo dispositivo portatile e con la propria password, oltre che una serie numerosa di controlli di accesso. Infatti uno degli step da superare prevede proprio l'accesso al computer del Ceo, criptato da una parola chiave o una sequenza di numeri.

Sono così andati letteralmente perduti ben 150 milioni di dollari suddivisi in 430.000 Ethereum 6.500 bitcoin, 11.000 bitcoin SV, 11.000 bitcoin Cash, 35.000 bitcoin Gold e 200.000 Litecoin.

La vedova ha quindi presentato un certificato di morte risultato valido ed è stato allontanato qualsiasi dubbio.

Si tratta di una storia singolare quanto inquietante e che ha lasciato nel panico centinaia di investitori del web. Nel corso di questi dieci anni sono state coniate nuove criptovalute e tra queste c'è anche la piattaforma canadase QuadrigaCX. I bitcoin non sono ereditabili, non esiste una norma che regola il passaggio nel momento in cui si verifica un decesso come, invece, avviene per i conti bancari normali.