C'è chi dice no alla Juve: Romagnoli cuore Milan

Regolare Commento Stampare

Non vedo il motivo di cambiare. È un segnale importante, quello dato da Alessio, che del Milan è diventato capitano la scorsa estate nei giorni in cui Bonucci preparava il suo ritorno alla Juventus. "Sto bene al Milan, sto bene a Milano, e finché sto bene voglio restare qui", le parole riportare da Milannews.

Romagnoli si è poi soffermato ad analizzare la situazione della squadra in questa stagione, sottolineando come il grande obiettivo rimanga sempre la qualificazione alla prossima Champions League. Ce lo godiamo, speriamo che possa continuare a fare almeno un gol a partita, speriamo di vincere tante gare per arrivare in Champions.

Un obiettivo nel quale i rossoneri credono con forza, soprattutto in questo avvio di 2019, dove il club allenato da Gennaro Gattuso pare aver ingranato una marcia diversa rispetto a quella utilizzata fino a pochi mesi fa.

" Lo reputo ancora il più forte attaccante al mondo. Ora abbiamo degli altri giocatori che non lo fanno rimpiangere".

Il difensore Alessio Romagnoli ha rilasciato una intervista ai microfoni di 'Mediaset' e ha elogiato l'impatto con la realtà rossonera del nuovo numero 19, Krzysztof Piatek: "Mi hanno impressionato la sua voglia e la sua fame, ha voglia di dimostrare quello che è". E' un mio amico, se è felice per me va bene. "Anche perché ho vissuto queste cose da bambino ed è stato emozionante riviverle oggi con queste ragazze". Lui ha voluto andare via e noi lo rispettiamo e gli faccio un grande imbocca al lupo.