Le deputate tutte in bianco al discorso sull'Unione di Trump

Regolare Commento Stampare

Rigorosamente in abito scuro, blu o nero, i repubblicani e tanto bianco sul fronte dem. Quando il presidente ha dichiarato che "lo stato dell'Unione è forte", la Pelosi ha scosso il capo mentre il repubblicani hanno intonato: "Usa". La costruzione del muro è stata definita nuovamente una "emergenza nazionale", frase che lascia pensare che Trump voglia usare questo escamotage per ottenere i soldi necessari da aiuti umanitari e altri stanziamenti per il welfare, aggirando il Parlamento. "Nell'ambito di un'ambiziosa nuova diplomazia, continuiamo il nostro storico sforzo per la pace nella penisola coreana", ha detto Trump rivendicando i successi ottenuti finora.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha usato i primi tweet di giornata per attaccare il deputato democratico Adam Schiff, che guida la commissione Intelligence della Camera e ha deciso di lanciare un'indagine sugli affari della famiglia Trump.

L'udienza prima che un pannello del sottocomitato dei sensi e dei mezzi della Camera metterà a fuoco su una misura nella legislazione radicale di riforma di etica dei Democrats - H.R. 1 - quello richiede i candidati presidenziali futuri ed il presidente di liberare 10 anni delle dichiarazioni dei redditi. "Sarà un muro di acciaio intelligente, strategico e che consente di vedere dall'altra parte, non solo un semplice muro di cemento", ha aggiunto, tra gli applausi dei repubblicani e i cenni di dissenso dei dem. "Il furto" di posti di lavoro e ricchezza Usa da parte della Cina "deve finire", e indica che il nuovo accordo commerciale con Pechino dovrà porre fine a pratiche scorrette, ridurre il deficit Usa e proteggere i posti di lavoro in America. Le "guerre folli" di chi fa inchieste di parte, definite ridicole da Trump, intralciano il successo economico del Paese. I democratici e le loro commissioni stanno diventando 'matti'.

In tema di immigrazione, Trump resta convinto che lungo il confine tra Stati Uniti e Messico "costruirò un muro o una barriera fisica". E insieme possiamo spezzare decenni di stallo politico, superare le vecchie divisioni, curare le vecchie ferite, costruire nuove coalizioni, forgiare nuove soluzioni e sbloccare il futuro dell'America.

Famoso per il motto della sua campagna elettorale (America first), Trump ha parlato di un "potenziale illimitato" per la nazione che si può sprigionare con il nuovo Congresso.

Parlando di Venezuela - di cui ha riconosciuto come presidente ad interim Juan Guaido - Trump ha tuonato: "L'America non sarà mai un Paese socialista".