Influenza. 191 gravi, 39 morti da ottobre

Regolare Commento Stampare

Influenza: 39 morti da inizio stagione. Tuttavia, stando al bollettino settimanale di sorveglianza epidemiologica Influnet, a cura dell'Istituto Superiore di Sanità, "siamo in prossimità del picco epidemico stagionale". Tante sono le persone morte da ottobre ad oggi a causa del virus influenzale. Il livello di incidenza, in questa settimana, è pari a circa 12 casi per mille assistiti.

Comportamenti scorretti - come volersi recare al lavoro a tutti i costi o continuare nelle proprie attività quotidiane ignorando i sintomi - oltre a contribuire alla diffusione dell'influenza, espongono anche chi è ammalato al rischio di contrarre altre infezioni batteriche, peggiorando una situazione dalla quale ci si riprende, generalmente, con il riposo. I più colpiti sono i bambini. In particolare, il numero dei decessi dall'inizio della stagione ha subito un rapido incremento negli ultimi giorni, passando dai 23 della terza settimana di gennaio ai 39 della quarta, crescita dovuta all'intensificarsi dell'epidemia, che ha portato finora al ricovero in terapia intensiva di 191 persone, tra cui anche quattro donne incinte.

Il 60% dei casi gravi è di sesso maschile e l'età mediana è di 60 anni.

La maggior parte dei decessi e dei casi più gravi si è registrata in pazienti di età superiore a 50 anni: di questi l'84% non risultava vaccinato.

Istituto superiore della Sanità: nuovo brusco aumento, 725mila a letto.

Come spesso accade per l'influenza, ad essere maggiormente colpite sono persone con condizioni di rischio preesistenti, come per esempio i malati di diabete, di tumore, di malattie cardiovascolari o soggetti obesi.

Quanto ai virus, quelli di tipo A sono nettamente dominanti (99,7%) sui virus B. Nell'ambito dei virus di tipo A, i ceppi A (H1N1) pdm09 sono prevalenti (58%) rispetto ai virus di sottotipo A (H3N2) (32%).

Sempre durante la 4^ settimana del 2019, circa il 68% dei casi di sindrome simil-influenzale riferisce di non essere stato visitato da un medico del Servizio sanitario nazionale, ma i contagiati riferiscono di aver avuto una sindrome simil-influenzale.