Bomba di neve in arrivo al Nord

Regolare Commento Stampare

Con la sua parte più avanzata raggiungerà alcune delle regioni più occidentali già nella giornata di giovedì, ma sarà venerdì che transiterà con maggior decisione sullo Stivale. Nel frattempo sulle Alpi la neve sarà finalmente diffusa e copiosa con accumuli anche di oltre mezzo metro dai 1000m di quota, fino a un metro dai 1500-1800m in particolare su Orobie, Trentino e Dolomiti in generale. E' arrivata la prevista neve in pianura al Nord specie sul Nord Ovest e l'Emilia e discreti quantitativi anche su gran parte dell'Arco alpino e sull'Appennino centro settentrionale anche a bassa quota. Altrove la pioggia ed i temporali hanno fatto il resto. Dopo il passaggio della perturbazione la quale, come abbiamo detto, ha portato una prima fase di maltempo, da ovest eccone subito un'altra ancora più attiva della precedente. Dalla serata precipitazioni molto intense sui monti dove la quota neve sarà in genere oltre i 1800 metri, oltre i 1500 metri circa in alta Carnia, oltre i 1000-1200 metri verso il Cadore e il Comelico; vento forte da sud in quota. Sulla pianura piogge abbondanti, sulla costa piogge moderate con scirocco anche forte e probabili mareggiate sulla fascia lagunare.

Prima la pioggia, poi pioggia mista a neve in pianura tra Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna, ma si trasformerà in neve nella notte. Nel corso della giornata le temperature saliranno anche di diversi gradi e nella serata è previsto l'arrivo di piogge, anche di forte intensità, su tutta la regione. Qualche debole piovasco invece su Campania e Basilicata. Fra il pomeriggio e la sera, le correnti miti che accompagnano questa nuova fase di maltempo, provocheranno un moderato aumento termico anche al Nord Italia con conseguente innalzamento del limite delle nevicate. L'aria sarà molto umida, favorendo, secondo gli esperti di 3B Meteo, nevicate abbondanti su tutte le Alpi e anche in pianura. Domenica comincia a migliorare al Nord, ancora instabile al Centro-Sud. Tornano a calare le temperature al settentrione sotto l'incalzare di venti da Nord Est.