Sostieni l'AIRC con le Arance della Salute

Regolare Commento Stampare

Come sappiamo il cancro è un nemico subdolo e complesso che va combattuto con tutte le armi a disposizione.

La battaglia contro il cancro acquisisce ogni giorno nuovi strumenti grazie ai progressi della ricerca, ma è sempre più riconosciuta l'importanza dei comportamenti e delle abitudini individuali.

Sabato 26 gennaio 20mila volontari dell'Airc l'associazione per la ricerca sul cancro, saranno impegnati in 3mila piazze per distribuire "Le Arance della Salute", frutto simbolo dell'alimentazione sana e protettiva grazie alle sue straordinarie proprietà. Sono arance rosse italiane che contengono pigmenti naturali dagli eccezionali poteri antiossidanti e circa il 40 per cento in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi. Inoltre la speciale Guida propone gustose e sane ricette a base di arance, realizzate appositamente da alcuni fra i più rinomati chef italiani. Quest'anno, però, c'è una novità: si possono acquistare anche la marmellata d'arancia, donando almeno 6 euro, e il miele d'arancio, con una spesa minima di 7 euro. Alcuni tipi di tumore - in particolare quelli che interessano esofago, stomaco e intestino - sono infatti più sensibili agli effetti dell'alimentazione. Questo il trio di regole per tutelarsi e prevenire. Tra i personaggi del mondo dello sport che si sono schierati nella lotta al cancro c'è anche il centrocampista della Roma, Lorenzo Pellegrini. Il fumo è il fattore di rischio evitabile che più incide sulla salute (in Italia una persona su quattro fuma, l'85-90% dei tumori polmonari è causato dalla sigaretta); ma anche il cibo può diventare un alleato per la prevenzione, se insieme riduciamo altri fattori di rischio come sedentarietà e obesità.

"Investire in comportamenti salutari - niente fumo, alimentazione equilibrata ed esercizio fisico regolare - spiega Antonio Moschetta, ricercatore dell'Università di Bari - potrebbe rappresentare il segreto per ammalarsi un po' meno, avere una vita lunga e un invecchiamento migliore". Ecco perché ho scelto di sostenere AIRC e i suoi 5.000 ricercatori ogni giorno al lavoro per costruire un futuro sempre più libero dal cancro.