Facebook vuole integrare entro il 2020 WhatsApp, Instagram e Messenger

Regolare Commento Stampare

Secondo le indiscrezioni del New York Times Facebook, Messenger, WhatsApp e Instagram pur restando distinte come app sugli smartphone, dovrebbero unire business e utenti. La conferma è poi arrivata con una breve nota ufficiale. Ad essere unificata, entro la fine del 2019 o al massimo nei primi mesi del 2020, sarà l'infrastruttura tecnologica alla base dei sistemi di messaggistica. D'altronde anche i tempi sono cambiati, con Facebook e Messenger meno centrali, mentre WhatsApp e Instagram sono cresciuti molto. Dopo che le modifiche saranno applicate, un utente di Facebook potrebbe ad esempio inviare un messaggio crittografato a qualcuno che ha solo un account WhatsApp, cosa al momento impossibile.

Le mire di Zuckerberg sono palesi: l'idea è evidentemente quella di creare un ecosistema unico capace di consentire comunicazioni orizzontali superando i limiti odierni e mostrandosi più versatile e completo rispetto all'offerta dei principali concorrenti (leggasi Google ed Apple). In tal caso, sappiate che il piano "segreto" di Facebook ci va vicino, secondo quanto riportato dal NY Times.

Combinando tutti e tre i servizi in un'unica piattaforma di messaggistica criptata (solo il destinatario e il mittente possono vedere il contenuto), Facebook sta anche creando la possibilità di inserire più pubblicità sulle piattaforme. Ovvero, continueremo ad avere sullo schermo tre differenti applicazioni da utilizzare. Il desiderio di generare profitti per due strumenti costati a Facebook 15 miliardi di dollari (14 miliardi WhatsApp, 1 miliardo Instagram) ha generato frizioni tra Zuckerberg e i fondatori di Whatsapp (Jack Koum e Brian Acton) e Instagram (Kevin Systrom e Mike Krieger), con questi ultimi che hanno scelto di abbandonare le loro creature poiché contrari a capovolgerne l'essenza gratuita e anti pubblicità in favore alla sicurezza delle informazioni. Ciò consentirebbe a Facebook di aumentare i profitti dell'azienda. In una dichiarazione al NYT l'azienda ha semplicemente affermato di voler "costruire le migliori esperienze di messaggistica possibili; e le persone vogliono che la messaggistica sia veloce, semplice, affidabile e privata". "Chiaramente, in una fase come questa in cui stiamo iniziando a definire tutti i dettagli per capire come rendere tutto questo possibile, sono ancora molte le discussioni e i confronti in atto" conclude il portavoce. "Stiamo lavorando per rendere la maggior parte dei nostri prodotti di messaggistica crittografati end-to-end e considerando modi per rendere più facile raggiungere amici e familiari attraverso le reti".