Ghosn si è dimesso dalla carica di presidente di Renault

Regolare Commento Stampare

L'annuncio era atteso per oggi e questo è arrivato puntuale: Renault ha ufficializzato i nomi delle persone che prendono i ruoli lasciati vacanti da Carlos Ghosn, che si è dimesso questa mattina da tutte le cariche che ha ricoperto negli ultimi anni all'interno della Casa francese. Dopo alcune anticipazioni dei media francesi, le sue dimissioni sono state confermate dal ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, al World Economic Forum di Davos. E' quanto si legge in una nota del gruppo nella quale si precisa che "preso atto delle dimissioni del suo attuale presidente e amministratore delegato.il cda ha deciso di fornire a Renault una nuova struttura di governance e una divisione delle funzioni di presidente del consiglio di amministrazione e amministratore delegato". Thierry Bollore confermato direttore generale.

La Nissan accoglie con favore le nuove nomine alla guida della partner Renault e punta ad accelerare la cooperazione tra le due aziende, augurandosi di avviare i negoziati con i nuovi vertici della casa francese prima possibile. Molto probabile, secondo l'agenzia di stampa France Press, la nomina di Jean-Dominique Senard alla presidenza, proveniente da Michelin, e Thierry Bolloré come amministratore delegato. La successiva richiesta del governo di Parigi a Ghosn, all'inizio del 2018, di rendere il processo di integrazione 'irreversibile', si è scontrata con il brusco arresto dell'ex top manager, avvenuto a metà novembre a Tokyo.