Quanto costa la fattura elettronica 2019 e come farla gratis online

Regolare Commento Stampare

Se anche fossero state fatture cartacee, è il concetto, sarebbero state da cestinare.

Non mancano quelli che si lamentano dell'eccessiva macchinosità del "marchingegno complicatissimo" che renderà difficile, dicono, la vita a chi già fattura tutto mentre non impatterà minimamente sulle vite di evasori e nullafacenti. Sappiamo davvero come funziona la fattura elettronica? Il quale, comunque, ha diritto ad avere copia analogica della fattura.

In pratica, visto che sulle fatture elettroniche non si può apporre fisicamente la marca da bollo, per assolvere l'adempimento è necessario effettuare il versamento telematicamente. Ma la versione cyber della fattura non soddisfa tutti, con alcuni operatori che accusano confusione e malfunzionamenti nel sistema. Lo standard di invio della fattura elettronica prevede infatti l'utilizzo del formato digitale XML (eXtensible Markup Language) che garantisce l'integrità anche al termine dei 10 anni di conservazione sostitutiva, grazie all'utilizzo della firma digitale e della marcatura temporale. L'e-fattura dovrà quindi riportare la data in cui è stata effettuata la prestazione di servizi oltre che la data di emissione del documento elettronico. Al cliente che gli chiede la fattura al posto della ricevuta o dello scontrino l'esercente potrà rilasciare un'apposita quietanza con rilevanza solo commerciale e non fiscale (in alternativa va bene anche la ricevuta del Pos, se presente) e trasmettere la fattura al SdI entro i termini della liquidazione periodica.

Nessun obbligo di comunicazione ("spesometro") relativo alle fatture emesse dai minimi, forfettari nonché in regime di vantaggio, verso operatori Iva residenti e stabiliti nel territorio dello Stato.

Falsa partenza per il nuovo portale dell'Agenzia delle entrate creato ad hoc per la gestione telematica delle fatture pilastro, appunto, della rivoluzione della fatturazione elettronica, per combattere l'evasione dell'Iva.

I concessionari sono esonerati dall'obbligo di fatturazione elettronica relativo a contratti di sponsorizzazione e pubblicità in capo alle associazioni sportive dilettantistiche.

I dati fiscali trasmessi dei soggetti tenuti all'invio dei dati al Sistema tessera sanitaria potranno essere utilizzati solo dalle pubbliche amministrazioni ed esclusivamente per garantire l'applicazione delle norme in materia tributaria e doganale ovvero, in forma aggregata, per il monitoraggio della spesa pubblica e privata complessiva. L'Agenzia ha spiegato in questo caso che poiché l'emissione della fattura differita prevede l'indicazione del dettaglio delle operazioni, per le cessioni di beni questo obbligo è soddisfatto indicando i riferimenti dei documenti di trasporto, senza necessità di allegarli.

un'App per tablet e smartphone, denominata Fatturae, scaricabile dagli store Android o Apple.