Saltriovenator zanellai, il dinosauro e predatore più grande e antico è italiano

Regolare Commento Stampare

Ritorno al Giurassico. Da una cava vicino a Saltrio, nelle Alpi lombarde, riemerge il più antico ceratosauro mai rinvenuto in Italia e nel mondo.

Il dinosauro scoperto a Varese è, in realtà, quello trovato cava Salnova di Saltrio, in provincia di Varese, da Angelo Zanella del Gruppo Brianteo Ricerche Geologiche di Paina di Giussano (Como) nel 1996. Questi dinosauri, caratterizzati da massicce mascelle dotate di denti acuminati, sono stati finora ritrovati solo in Nord America e in Portogallo e sono stati datati a circa 150 milioni di anni fa. La sua particolarità è che il più antico dinosauro carnivoro di grandi dimensioni e sposta indietro di 25 milioni di anni l'orologio dei rettili di questo tipo, appartenente al genere Ceratosaurus. Lo afferma uno studio pubblicato sulla rivista scientifica PeerJ da paleontologi italiani guidati da Cristiano Dal Sasso, del Museo di Storia Naturale di Milano. Era lungo quasi otto metri e pesava circa una tonnellata. L'animale era un carnivoro, cacciatore ad andatura bipede.

"Per quanto frammentario, lo scheletro di Saltriovenator mostra un mosaico di caratteri anatomici ancestrali e derivati, che si trovano rispettivamente nei dinosauri con mani a quattro dita, come i dilofosauri e i ceratosauri, e nei teropodi tetanuri che hanno mani con tre dita, come gli allosauri", ha sottolineato Dal Sasso, che ha riassemblato e studiato il fossile per diversi anni. "Le dita di Saltriovenator si potevano flettere e iperestendere, conferendogli da una parte una presa potente e dall'altra una resistenza non comune ai tentativi di fuga delle prede".

"Il modello attualmente più accreditato prevede che a quell'epoca la zona fosse occupata da un mare poco profondo circondato da terre emerse: per sostenere catene alimentari con dinosauri erbivori e con grossi predatori, s'ipotizza che fosse un'area piuttosto grande", ha aggiunto Maganuco.

Dimensioni e abitudini di caccia sono tali da far ripensare alla geografia della paleo-Italia del Nord. "E possiamo ipotizzare che le impronte di dinosauro rinvenute in provincia di Trento possano appartenere proprio a questa specie".