Ancona, tragedia in discoteca: sei morti e centinaia di feriti

Regolare Commento Stampare

"Non penso che sei morti siano stati causati solo dalla fatalita'.".

Tragedia in una discoteca di Corinaldo, in località Madonna del Piano, in provincia di Ancona.

Parallelamente, con l'aiuto dei vigili del fuoco, si lavora sulla verifica del rispetto di tutte le misure di sicurezza.

"Sono profondamente addolorato per quello che è successo a Corinaldo".

"I biglietti venduti sono circa 1.400 a fronte di una capienza di 870 persone circa". Riesce a stento a tenersi in piedi, e urla in lacrime davanti all'obitorio degli Ospedali Riuniti di Ancona. "Dentro - ha spiegato uno di loro - la situazione era di grande agitazione, ma chi si è trattenuto è stato portato fuori in maniera ordinata".

IL PREMIER CONTE "Le regole ci sono e vanno rispettate - ha detto il premier Giuseppe Conte a margine dell'incontro con i medici dell'ospedale Torrette di Ancona -". Ha perso la vita anche Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. "Non si puo' morire a 14 anni in questa maniera. ha affermato il ministro - non servono nuove leggi, serve la coscienza di rispettare quelle esistenti". Un altro ragazzo, presente al concerto, racconta: "A un certo punto abbiamo cominciato a tossire, mancava l'aria come quando c'è un incendio, e tutti siamo andati verso l'uscita".

Le indagini sono già arrivate ad alcune conclusioni.

Tragedia in una discoteca di Corinaldo.

A scatenare il fuggi fuggi, secondo quanto ricostruito finora, l'utilizzo di uno spray al peperoncino in sala. "Tanti elementi da valutare". I feriti della notte scorsa sono complessivamente 59 e presentano traumi da schiacciamento. E chiosa: "La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero". "Devono accertare tutte le condizioni di sicurezza per prevenire tragedie del genere". "Io non accuso nessuno ma mi rivolgo al senso di responsabilità di chi gestisce locali aperti al pubblico", ha aggiunto Conte. Dobbiamo anche capire se di questi strumenti va fatto un uso improprio. E questo vale per quello che è accaduto stanotte nelle Marche. "Se nel tuo locale invece di 800 persone ne hai fatte entrare 2.000, il tuo posto è la galera fino alla fine dei tuoi giorni". "L'uscita dove è accaduta la tragedia, con la balaustra che ha ceduto, era quella che si trovava dalla parte opposta del palco". Sono 6 le vittime accertate, di cui 5 giovanissime.

"E' finita la vita a me e a mia moglie - continua -". Così, su Instagram, il rapper Sfera Ebbasta dopo la tragedia discoteca. "Un abbraccio e un pensiero alle famiglie delle vittime e a tutti i feriti".

Cinque ragazzini e una mamma. Daniele è figlio di un dipendente comunale e lascia la mamma e una sorella.

"Strage davvero inconcepibile al concerto di #SferaEbbasta alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, vicino Ancona".

Matteo Salvini, visibilmente provato, si è poi commosso e con la voce rotta dall'emozione ha evidenziato: "Ci sono sei morti e sette feriti in codice rosso per cui pregare".