Il calcio italiano piange la scomparsa di Gigi Radice

Regolare Commento Stampare

"La Fiorentina si unisce al cordoglio del mondo del calcio per la scomparsa di Luigi Radice, allenatore della Fiorentina nel 73/74, nel 91/92 e nel 92/93".

E' morto all'età di 83 anni Gigi Radice, storico allenatore del Toro e del Milan. Un palmares ricco di trionfi e di soddisfazioni soprattutto con la maglia del Milan, con cui ha conquistato tre campionati e soprattutto la prima Coppa Campioni della storia del club, nel 1963 a Wembley, grazie alla doppietta rifilata da José Altafini al Benfica. Poche presenze all'attivo ma due scudetti in bacheca nei primi quattro anni in rossonero, poi i prestiti alla Triestina e al Padova, preludio ad un ritorno all'ovile da protagonista. Tra i tecnici più importanti tra gli anni '70 e '80, fu capace di laurearsi Campione d'Italia con il Torino nel 1976. Lasciato il calcio nel 1965, ad appena trent'anni, ha iniziato subito la carriera in panchina nel Monza. Il minuto di silenzio in ricordo di Gigi Radice sarà osservato anche in tutti gli altri match di Serie A, B e C previste nel weekend, come disposto dalla FIGC. "Sì, ma abbiamo pareggiato".

Gli stessi suoi ex giocatori come Eraldo Pecci confermano la capacità di Radice di grande innovatore: "In questo momento le parole sono superflue, meno se ne dicono, meglio è: abbiamo perso un grandissimo uomo.Dicevano di lui che era un 'sergente di ferro', invece sapeva essere un uomo molto dolce - ricorda -. Nel ricordare con affetto il tecnico di Cesano Maderno, la Proprietà, la Dirigenza e tutto lo staff viola porgono le più sentite condoglianze alla sua famiglia".

"Addio, Mister Radice, colonna della nostra storia".