Gruppo Italian Exhibition Group non va più in Borsa: 'Mercati sfavorevoli'

Regolare Commento Stampare

Nella giornata di ieri il gruppo nato nel 2016 dalla fusione tra Fiera di Rimini e Fiera di Vicenza, d'intesa coi coordinatori dell'offerta e joint bookrunner nell'ambito del collocamento istituzionale (Equita Sim e Intermonte Sim) e con gli azionisti venditori, Rimini Congressi e Salini Impregilo, ha annunciato di aver rinunciato al collocamento privato delle azioni ordinarie della società. Twitter/IEGLo riferisce una nota della società, specificando che l'inizio delle negoziazioni è adesso previsto per il 10 dicembre. Borsa italiana aveva dato pochi giorni fa il via libera assieme alla Consob. "Tale decisione - si legge in una nota - è stata assunta a causa della sfavorevole situazione del mercato azionario, domestico e internazionale, che non permette al momento di apprezzare compiutamente il valore di IEG.".

Intanto c'è il caso delle dimissioni di Michela Cavalieri dal cda di Ieg: la consigliera, già assessore al bilancio della precedente giunta comunale guidata da Achille Variati, ha rinnovato la sua disponibilità a rimettere il mandato, scelta già fatta ma che in precedenza aveva vincolato alla buona riuscita della quotazione.