Dazi, Cina: intesa con Usa in 90 giorni - Ultima Ora

Regolare Commento Stampare

Secondo, il suo rappresentante Lighthizer aveva dichiarato di aspettarsi che l'incontro sarebbe stato "un successo", anche perché senza un risultato positivo la missione del presidente a Buenos Aires sarebbe stata un fallimento. "L'America sta avendo un boom, l'Europa sta bruciando", si legge ancora nel testo.

La cena era stata improvvisamente anticipata di un'ora, alimentando le speculazioni sul motivo.

L'Accordo di Parigi rimane "la stella polare" per ciò che concerne i cambiamenti climatici, ha detto il premier Giuseppe Conte nel suo intervento alla sessione di lavori di stamane del G20. Forse dietro c'era solo la fretta di Trump e Xi di ripartire, o forse il negoziato era finito un po' più velocemente di quanto ci si aspettasse, in una direzione o nell'altra.

La Casa Bianca ha riassunto i termini della tregua in due punti. Al tavolo della cena infatti si sono seduti il segretario al Tesoro Mnuchin e il consigliere economico Kudlow, che volevano fare l'accordo per evitare di compromettere la crescita nel modo e negli Usa, e i rappresentanti per i commerci Lighthizer e Navarro, che invece volevano continuare a premere, convinti che Pechino stia soffrendo i dazi e sia sul punto di cedere anche di più. Trump ha accettato di annullare gli aumenti tariffari previsti, che su 200 miliardi di merci esportate dal Paese asiatico verso gli Stati Uniti, dal 10 per cento sarebbero dovuti salire al 25%.

"Sono contento che il mio amico Emmanuel Macron e i manifestanti di Parigi siano d'accordo con la conclusione cui sono arrivato due anni fa", ha scritto Trump su Twitter, alludendo alla sua decisione di ritirarsi dall'accordo di Parigi.

In cambio il leader cinese si e' impegnato ad acquistare "immediatamente" dagli Stati Uniti - come sottolinea la Casa Bianca - prodotti agricoli, industriali e nel settore energetico, quelli di fatto colpiti dalle misure di rappresaglia messe in campo da Pechino, con l'obiettivo di ridurre quello squilibrio commerciale da sempre denunciato dal tycoon.