Geoblocking addio: acquisti online senza più limiti nell'Ue

Regolare Commento Stampare

Dal 3 dicembre 2018 è infatti possibile fare acquisti sulle piattaforme di e-commerce senza limitazioni legate alla posizione geografica. Da oggi, non sarà più possibile.

Da oggi 3 dicembre diciamo addio al geoblocking. Le nuove regole vietano la pratica dei blocchi geografici nelle vendite online permettendo di poter usufruire di offerte promozionali presenti su una delle pagine nazionali di un'azienda. Da oggi in avanti invece gli acquisti si potranno fare liberamente.

Quando si tratta di beni fisici (tecnologia, accessori, abbigliamento) il venditore non può rifiutarsi di accettare l'acquisto fatto da un Paese diverso dal suo. In particolare, affronta il problema incontrato da alcuni clienti, che non sono in grado di acquistare beni e servizi da venditori stabiliti in un altro Stato membro, o alle stesse condizioni di chi vive in tale Stato, unicamente a causa della loro nazionalità o del loro luogo di residenza o di stabilimento. Rientrano in questa categoria e-book, musica, videogiochi e software.

Il regolamento che ne sancisce l'illegalità fa parte di una serie di nuove regole sull'e-commerce pensate proprio per incrementare le vendite online transfrontaliere, ma sempre comunque all'interno dell'UE. La Commissione Ue sta però esaminando la situazione ed è probabile che nel 2020 si metta fine al geoblocking anche per questi prodotti.

Le restrizioni geografiche, quando si fa shopping online, hanno sempre dato fastidio. I principali risultati sono riassunti di seguito.

"Nel 2015 il 63% dei siti non consentiva agli utenti di effettuare acquisti da un altro Paese dell'Unione Europea, di conseguenza due terzi dei consumatori che volevano fare acquisti online all'estero non hanno potuto farlo", ha spiegato il vicepresidente della Commissione Europea per il Mercato unico digitale Andrus Ansip durante una conferenza stampa con la commissaria per il Mercato interno Elżbieta Bieńkowska, quella per la Giustizia Věra Jourová e quella per l'Economia digitale Mariya Gabriel. La nuova normativa è valida per tutti gli stati membri e in sostanza consentirà ad utenti stranieri di acquistare dagli store online esteri senza limitazioni o blocchi.