Papa: ha incontrato Abu Mazen, tema pace in primo piano - Politica

Regolare Commento Stampare

"Il Papa ha donato ad Abu Mazen un medaglione con la rappresentazione della basilica di San Pietro, e gli usuali doni dell'enciclica 'Laudato si" e il Messaggio della Pace 2018, che "ho voluto firmarlo con la data di oggi", ha specificato il Papa.

L'agenzia stampa palestinese Wafa riferisce che Abbas "ha riferito al Papa degli ultimi sviluppi in Palestina e delle implicazioni della decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale pdi Israele muovendo la propria ambasciata nella città. L'incontro ha toccato anche le relazioni tra Palestina e Santa Sede e le forti relazioni storiche tra di esse, e il presidente Abbas ha ringraziato il Papa per il suo sostegno alla causa palestinese".

"Ci si è quindi soffermati sul cammino di riconciliazione all'interno del popolo palestinese, nonché sugli sforzi per riattivare il processo di pace tra Israeliani e Palestinesi e raggiungere la soluzione dei due Stati, auspicando un rinnovato impegno della Comunità internazionale nel venire incontro alle legittime aspirazioni di entrambi i popoli", afferma la nota della Santa Sede. "Grazie della visita", ha esclamato Papa Francesco prima di congedarsi.

Folta la delegazione palestinese, composta da 16 membri fra cui il ministro degli Esteri Riyad al-Maliki, il consigliere per gli affari religiosi e gli ambasciatori presso l'Italia e presso la Santa Sede.

Secondo il comunicato della Sala Stampa della Santa Sede, l tema dello status quo di Gerusalemme è stato al centro dei colloqui tra Papa Francesco e il presidente palestinese.

Mahmoud Abbas ha regalato al Papa un libro sui rapporti storici tra Vaticano e Terra Santa ed una immagine di Gerusalmme: "Questa rappresenta lo spirito della città vecchia di Gerusalemme", ha detto.