Patto Trump-Xi, tregua di 90 giorni sui dazi

Regolare Commento Stampare

Ma se, nel corso della tregua di 90 giorni, le trattative non dovessero andare a buon fine, il presidente Usa ha ribadito che procederà con il suo precedente piano - che sarebbe dovuto entrare in vigore il primo gennaio 2019 - di aumentare le tariffe sui 200 miliardi di dollari dei prodotti cinesi importati negli Usa, facendole salire al 25% dall'attuale 10%.

Tra i primi a esprimersi sull'accordo è il tabloid Global Times, che lo definisce "un importante passo avanti", e che per primo cita la scadenza dei tre mesi per trovare un'intesa sui punti cruciali della disputa.

Per il momento un'escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, tanto temuta da far evocare un nuova guerra fredda, è scongiurata. Il comunicato affferma che i risultati sono ancora distanti. Il comunicato tuttavia ha sottolineato il fatto che restano divergenze profonde quando si parla di commercio, e non bastano le critiche al protezionismo che abbiamo visto negli ultimi due anni. Le delegazioni dei due Paesi hanno degustato un controfiletto con cipolle rosse, formaggio caprino e datteri, accompagnato da un vino rosso argentino Malbec, tra vasi di fiori e lampadari di cristallo, mentre discutevano le sorti dei loro rapporti commerciali che hanno provocato fluttuazioni sui mercati finanziari mondiali. Ha venduto un'immagine di un Regno Unito globale e, malgrado quanto affermato dal presidente Trump la settimana scorsa, di essere pronta a negoziare con chiunque, una volta che il processo sarà completato. Presenti, per gli Usa, anche il consigliere alla Sicurezza, John Bolton, il capo dello staff di Trump, John Kelly, e lo Us Trade Representative, Robert Lighthizer. Secondo quanto riferisce il Washington Post, Trump e Xi hanno concordato di "iniziare immediatamente" i colloqui sulle politiche industriali cinesi, comprese le licenze coercitive della tecnologia degli Stati Uniti, il furto di segreti commerciali e le barriere commerciali non tariffarie.

Non ci sono certezze sulla possibilità che al termine dei novanta giorni, la tregua commerciale tra Pechino e Washington possa durare, ma la nota della Casa Bianca ha citato, nel finale, la soddisfazione di Trump per il rapporto con il presidente cinese. "E' un grande onore per me lavorare con il presidente Xi", che "in un meraviglioso gesto umanitario", ha inserito il Fentanyl, un oppioide sintetico, tra le sostanze soggette a controlli, promettendo il massimo della pena prevista dalla legge per chi lo venderà sul mercato statunitense.