Finale di Champions con la Juve: Ramos positivo all'antidoping

Regolare Commento Stampare

Non solo contro la Juventus nella finale di Cardiff, come riporta Mediapart, secondo quanto emerso dai documenti di Football Leaks, Ramos sarebbe stato trovato positivo anche nel match contro il Malaga nel 2018.

Ci sono delle nuove clamorose rivelazioni di Football Leaks che riguardano Sergio Ramos, capitano del Real Madrid prossimo avversario della Roma in Champions League. Semplice errore: fu questa la spiegazione: il dottore del Real Madrid si assunse le colpe e il caso venne archiviato nel giro di pochi giorni. Quel giorno la Juventus perse la finale di Champions contro il Real all'epoca guidato da Ronaldo. L'Uefa ha ritenuto credibile la giustificazione fornita dal medico degli spagnoli.

Non si è fatta attendere nemmeno la risposta di Sergio Ramos che, dopo il clamoroso tonfo dei suoi compagni in casa dell'Eibar, ha voluto dare la propria versione dei fatti: "In merito alle informazioni pubblicate sul mio conto da molti media, tengo a chiarire che mi oppongo con veemenza al doping - scrive sulla sua pagina Twitter - Non ho mai acconsentito a qualunque forma di doping". Nelle carte consegnate agli uomini dell'antidoping però non compariva il nome del Dematesone ma di un altro farmaco il Celestone Chronodose, simile al Desametasone.

Da Football Leaks arriva un clamoroso retroscena: una stella del mondo del calcio sarebbe stata trovata positiva a dei controlli antidoping. I protagonisti sono Sergio Ramos, il Real Madrid e l'antidoping. Cardiff, giugno 2017: ho ricevuto un normale trattamento da parte dello staff medico, effettuato dai medici del club. Una procedura irregolare, visto che i controllati non possono svolgere anche il ruolo di controllori.