Francia, recuperato un terzo cadavere sotto le macerie a Marsiglia

Regolare Commento Stampare

Sono a rischio crollo altri due palazzi e la situazione è di rischio per i pompieri.

Nel primo pomeriggio di oggi a Marsiglia è stato ritrovato il corpo senza vita della tarantina Simona Carpignano. Il Comune ha avanzato l'ipotesi che le forti piogge degli ultimi giorni possano avere provocato la catastrofe, ma diversi rappresentanti dell'opposizione hanno tirato in ballo il problema degli alloggi a Marsiglia. Lui conosceva bene Simona Carpignano, trentenne originaria di Taranto, in Francia per continuare gli studi e trovare un lavoro stabile. "Abbraccio tutte e tutti, con amarezza infinita".

Simona, una delle migliaia di giovani a cui viene affibbiata l'etichetta - a torto o a ragione, non sta a noi giudicare - di "cervelli in fuga", si era laureata in lingue all'università del Salento e successivamente aveva deciso di trasferirsi in Francia. Questo l'appello lanciato immediatamente su Facebook. Stamattina è crollato a Marsiglia, il palazzo in cui vive Simona Carpignano, Alle ore 9.30 circa.

Perchè pur mancando conferme ufficiali, la notizia del ritrovamento sotto le macerie del corpo di una ragazza non può che indicare il ritrovamento di Simona. "Lei - scriveva un'amica della ragazza, in un post in cui allega una foto della dispersa - abitava al terzo piano del palazzo da 6 piani crollato". Soprannominata "Sorriso" per il suo carattere positivo, aveva confidato agli amici di temere di vivere in quei palazzi che poi hanno ceduto all'improvviso.

I vigili del fuoco di Marsiglia hanno proceduto alla demolizione controllata di una terza palazzina fatiscente in centro città, adiacente agli altri due edifici crollati spontaneamente questa mattina: è quanto riferisce il prefetto di zona, Olivier de Mazières, precisando che il terzo edificio era pericoloso e rischiava a sua volta di crollare ad ogni momento.