Australia, accoltella passanti in strada a Melbourne: un morto. Isis rivendica

Regolare Commento Stampare

Sangue in centro a Melbourne, in Australia, per un assalto di stampo terroristico che avrebbe potuto avere un bilancio ben peggiore dei due morti finora registrati: nel pomeriggio, con Bourke Street piena di passanti per lo shopping, un uomo ha appiccato le fiamme alla propria auto e ha accoltellato tre persone prima di essere centrato dalla polizia con un colpo di pistola.

Un ragazzo, che era in una libreria vicina, ha detto di aver sentito un forte rumore e di aver inseguito l'uomo armato di coltello. L'uomo che ha condotto l'attacco era noto ai servizi di sicurezza australiani. Erano le 16.20 ora locale (in Italia era mattina presto). Poi l'aggressione ai passanti.

La polizia dello Stato di Victoria, suito dopo l'attacco, ha comunicato sul suo account Twitter che la dinamica dei fatti "è ancora da chiarire" e che l'area "è stata chiusa". Le forze dell'ordine hanno poi fatto sapere che stanno trattando il caso come terrorismo e l'attentato è stato rivendicato dallo Stato islamico tramite la sua agenzia di propaganda Amaq. A quel punto un poliziotto ha sparato contro l'attentatore, colpendolo al petto.

I media locali hanno diffuso le immagini che mostrano un uomo robusto che cercava di colpire con un coltello alcuni poliziotti, intervenuti per un'auto in fiamme. Gli agenti non starebbero dando la caccia ad altre persone sue complici.