L'Isis attacca un bus di pellegrini copti, sette morti in Egitto

Regolare Commento Stampare

"Persone armate sconosciute hanno sparato contro due bus che trasportavano copti ed erano in viaggio verso il monastero dell'Anba Samuel", si legge sul sito dell'emittente.

Lo ha reso noto la Chiesa copto-ortodossa, aggiungendo che i pellegrini cristiani stavano viaggiando su un pullman.

Il portavoce della Chiesa copto-ortodossa, Boul Halim, ha avvertito che il bilancio potrebbe essere anche più pesante. Fonti della sicurezza hanno riferito che altre 12 persone sono rimaste ferite. L'attacco terroristico, avvenuto a circa 200 chilometri a sud della capitale egiziana Il Cairo, è stato condannato fermamente dal presidente al-Sisi che ha assicurato via Twitter la determinaziona del suo governo "nel combattere il terrorismo e perseguire i responsabili". "Ancora non è uscita una comunicazione ufficiale del ministero dell'Interno o dal ministero della Salute - ha detto padre Hani Bakhoum - Alcuni parlano di sette morti e 14 feriti, altri parlano di una decina" di vittime, "altri parlano di cinque". I pellegrini erano senza scorta e hanno azzardato la gita nonostante la strada principale verso il monastero fosse bloccata proprio perché l'Isis, nel maggio dell'anno scorso, aveva già sferrato un attacco simile causando la morte di 28 copti, tra cui numerosi bambini, e il ferimento di altri 22.